Articoli HP

Akeem Omolade: trovato morto l’ex calciatore del Torino

4168
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ieri mattina è stato trovato senza vita Akeem Omolade Oluwuashegun, ex attaccante di Torino e Treviso.

Il corpo del calciatore è stato ritrovato nell’auto di un amico, parcheggiata nel quartiere Ballarò di Palermo.

Il trentanovenne nigeriano, che faceva il traduttore in tribunale e ha sempre continuato a giocare a calcio con l’Altofonte, lascia una figlia piccola.

Omolade, ancora ignota la causa della morte

Sarà l’autopsia, predisposta dalla procura di Palermo, a stabilire le cause del decesso, che sono ancora ignote.

Si esclude già ora l’opzione di una morte violenta, in quanto il corpo non presentava alcun tipo di lesione esterna.

Negli ultimi tempi, il giocatore aveva lamentato un dolore ad una gamba e, proprio ieri mattina, avrebbe dovuto fare un esame al Policlinico.

Non riuscendo a camminare, aveva chiesto ad un amico di accompagnarlo ma, non appena era salito in macchina si era sentito male.

L’amico ha chiamato i soccorsi ma, al loro arrivo, Omolade era già deceduto e non c’è stato più nulla da fare.

La famiglia ha subito escluso problematiche fisiche, affermando che il calciatore non avrebbe avuto alcun problema di salute.

Omolade: l’ex calciatore del Torino era un simbolo contro il razzismo

Omolade, nel periodo passato al Treviso, era diventato un simbolo contro il razzismo.

In una partita a Terni, circa trenta ultras tolsero dallo stadio gli striscioni e abbandonarono gli spalti come protesta contro il suo acquisto.

Ciò che non era gradito ai tifosi era proprio il colore della sua pelle.

Nella partita Treviso-Genoa del giorno dopo, tutti i giocatori del Treviso, comprese le riserve e l’allenatore, si presentarono in campo con la faccia dipinta di nero.

Un gesto di solidarietà che era balzato agli onori della cronaca.

Omolade giocò poi con il Torino nella Primavera e, nel febbraio 2003, in occasione di una partita contro l’Inter, esordì in Serie A.

In totale, giocò ben 5 partite nella massima serie, prima di tornare a disputare tornei minori.

Il Torino ha manifestato già il suo cordoglio per la morte del calciatore ai familiari di Omolade.

Il giocatore, oltre ad aver giocato col Torino e col Treviso, ha fatto parte del Novara, della Reggiana, del Gela, del Barletta e del Ribera.

Le sue ultime apparizioni sono state nella squadra dell’Altofonte.

4168

Related Articles

4168
Back to top button
Close
Close