Articoli HPTerritorio

Cuneo, al Raduno dei Bersaglieri Cirio propone il ritorno al servizio di Leva

451
Tempo di lettura: < 1 minuto

Alberto Cirio, Governatore della Regione Piemonte, ha proposto il ritorno della Leva obbligatoria durante il Raduno dei Bersaglieri a Cuneo.

Cuneo ha infatti ospitato il 69esimo raduno nazionale del corpo dei Bersaglieri con grandi celebrazioni a cui hanno partecipato diverse autorità.

Un evento che ha portato a Piazza Torino circa 20 mila persone, che dalle ore 8 del mattino hanno assistito alla grande parata celebrativa.

Dalle ore 9, invece, le autorità sul palco allestito in corso Dante angolo corso Nizza, hanno parlato alla platea nei pressi dello scioglimento del corteo (avvenuto in piazza Europa).

Sul palco hanno partecipato il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, Anna Rossomando, vicepresidente del Senato e Alberto Cirio.

La sfilata è partita alle ore 9.30, dopo l’intervento delle autorità, con 55 fanfare al seguito. Al termine del corteo, attorno alle 12.45, è arrivato il passaggio di consegne con La Spezia, che ospiterà l’edizione del 2023.

Alberto Cirio propone la Leva obbligatoria al Raduno dei Bersaglieri di Cuneo: i dettagli

Malgrado i grandi impegni sulla crescita economica del Piemonte, il Governatore Alberto Cirio, non ha voluto assentarsi al Raduno dei Bersaglieri.

Nel suo intervento ha ribadito come i valori siano quelli della patria e non quelli forniti dai social, appellandosi ai più giovani.

In questo senso il politico ha ribadito come alcuni mesi di servizio militare obbligatorio possa solo giovare ai ragazzi dopo gli anni di istruzione obbligatoria.

Cirio ha poi ribadito il concetto sui suoi social network, trovando però opinioni contrastanti in merito.

(foto ideawebtv.it)

451

Related Articles

451
Back to top button
Close
Close