Articoli HPEventi

Torino, i Murazzi non riapriranno i battenti in tempo per l’Eurovision

1222
Tempo di lettura: 2 minuti

Ancora ritardi sui lavori per la rinascita dei Murazzi, che la città di Torino aspetta da dieci anni e che sembrava ormai arrivata, in occasione dell’Eurovision Song Contest.

In Comune si attendono ancora le presentazioni, da parte dei concessionari, delle integrazioni ai progetti, che darebbero il via alle ultime autorizzazioni.

A metà maggio arriverà la prima apertura, quella del Porto Urbano, mentre le altre slitteranno con molta probabilità al mese di giugno.

Torino, dieci anni di attesa per rivedere aperti i Murazzi

Le prime chiusure, per i Murazzi, sono arrivate nell’autunno del 2012, in quanto molti locali sono stati chiusi per irregolarità ed abusi edilizi.

 Nel 2016, quando la ripartenza sembrava vicina, è stata l’alluvione a bloccare le procedure per il bando, provocando ingenti danni agli edifici situati sulla sponda del fiume.

Sono stati quindi avviati dei lavori di riqualificazione dei Murazzi, che prevedevano progressive riaperture dei locali torinesi.

Dal 2019 ad oggi, a causa dell’emergenza sanitaria, c’è stato un arresto dei lavori e l’inaugurazione dei Murazzi è slittata di nuovo.

Murazzi: la riapertura non coinciderà con l’arrivo dell’Eurovision di Torino

I locali dei Murazzi sono di fatto, per i giovani di Torino, uno dei centri più importanti della movida della città. Luogo ideale per divertirsi o socializzare, i Murazzi avrebbero visto, con la conclusione dei lavori, un rinnovamento totale, che ne avrebbe in parte cambiato la natura, andando a ridurre notevolmente i locali dedicati alla vita notturna.

Non sono però bastati i dieci anni di attesa, dato che nessun locale dei Murazzi riuscirà ad aprire i battenti prima dell’Eurovision.

Era stato il sindaco, Stefano Lo Russo, ad annunciare che la riapertura sarebbe arrivata in tempo per l’evento, che attrarrà a Torino un’ingente quantità di turisti.

Purtroppo però, sono sorti diversi imprevisti, anche se sul lato destro del Po i lavori nei nuovi locali stanno comunque procedendo.

Il Comune è in attesa delle ultime integrazioni per la riapertura dei Murazzi

Nella prima parte di maggio si terrà la prossima Conferenza dei Servizi, che dovrebbe risolvere le problematiche legate alle ultime integrazioni.

La Protezione Civile, infatti, ha chiesto di apportare delle migliorie al progetto per quanto riguarda le fasi di smontaggio dei dehors che saranno posizionati lungo la riva del fiume. In caso di alluvione questi saranno rimessati in un’unica arcata di proprietà della città.

Alcune integrazioni sulle quali si sta ancora lavorando riguardano gli ancoraggi delle pedane da allestire a bordo fiume e la sicurezza sul passaggio di pedoni e mezzi lungo la passeggiata.

Da discutere sono anche le ultime specifiche su dehors e padiglioni, nei quali non sarà concessa nessuna attività di pubblico spettacolo.

Il Comune spera che i concessionari forniscano alla Conferenza dei Servizi tutte le integrazioni richieste, in modo da permettere all’amministrazione di rilasciare subito tutte le autorizzazioni necessarie.

Il Porto Urbano è l’unico progetto a non aver subito ritardi, ed aprirà all’interno degli spazi dei Magazzini Devalle. Al loro interno si terrà, il 16 maggio, la presentazione del Salone del Libro Off. In seguito si darà il via anche all’organizzazione di eventi privati.

Entro fine mese, invece saranno inaugurate le arcate dedicate alla somministrazione realizzate dal gruppo EDIT.

1222

Related Articles

1222
Back to top button
Close
Close