Articoli HPTerritorio

Torino-Australia in mezz’ora? il progetto con Jeff Bezos per voli suborbitali

4998
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’Australia potrebbe diventare accessibile in appena mezz’ora da Torino grazie a dei voli suborbitali.

L’intesa per lo studio del progetto è stata trovata a Dubai e vede CeiPiemonte il collaborazione con diversi partner. Tra le aziende firmatarie dello studio figura anche la Blue Origin, di proprietà del magnate statunitense Jeff Bezos, proprietario di Amazon.

La Cittadella dell’Aerospazio di Torino, in corso Marche, ospiterà le aziende per lo studio dell’avveniristico progetto.

Il progetto dei voli suborbitali per unire Torino e l’Australia passa dal Piemonte: i dettagli

Dubai è da sempre il centro dell’innovazione, e negli Emirati è stato trovato uno storico accordo per studiare i voli suborbitali in Italia.

CeiPiemonte ha sottoscritto due accordi in Arabia per lo sviluppo dei voli che azzereranno le distanze del globo. I protocolli vedono la partnership con la Blue Origin di Jeff Bezos.

In prima istanza il Piemonte svilupperà dei protocolli per le tecnologie, ma in futuro potrebbe nascere una sede della società aerospaziale di Bezos.

Questo progetto si aggiunge a quello di Altec e Virgin galactic di creare uno spazioporto proprio a Torino. In corso Marche, dunque, è partita la sperimentazione per rendere i voli sub orbitali alla portata di tutti, lanciando un turismo spaziale di massa.

La piemontese Argotec, inoltre, aveva avviato diversi protocolli per sfruttare la curvatura terrestre per lanciare oggetti commerciali.

La prossima tappa per mettere nero su bianco le convenzioni per la riuscita del progetto si vedrà il 30 e il 31 marzo, al VTM – Veichle & Transportation Innovation meeting – di Torino.

4998

Related Articles

4998
Back to top button
Close
Close