Articoli HPLavoro

Poste Italiane assume a Torino e provincia 60 nuovi portalettere

1699
Tempo di lettura: < 1 minuto

Poste Italiane assume a Torino e provincia. Sono 60 le figure a cui poter offrire un contratto come portalettere.

Una nuova selezione dopo quella svolta lo scorso ottobre.

In questi giorni Poste avrà modo di selezionare numerosi postini da impiegare fin da subito nella consegna nei punti più critici in cui si sono verificati maggiori disservizi nel periodo della pandemia.

Le lamentele degli utenti, infatti, non sono mai mancate: ricevevano bollette già scadute, giornali e quotidiani del giorno precedente, pacchi in ritardo. Si tratta di ritardi che si sono verificati sia nei centri abitati più grandi che nei piccoli paesini. In men che non si dica i disagi hanno toccato sia i privati che le aziende.

Requisiti e dettagli:

Per accedere al lavoro come portalettere offerto da Poste Italiane nel Torinese occorre essere in possesso della patente di guida e avere ottenuto il diploma di scuola media superiore.

Per tre mesi i postini si occuperanno della distribuzione di corrispondenza e pacchi nel territorio provinciale in relazione alle specifiche esigenze aziendali.

L’obiettivo che si vuole raggiungere è quello di ristabilire gli standard di qualità dopo i disagi subiti a causa dell’ondata COVID. Poste Italiane aveva registrato livelli di assenza significativi causati dall’aumento della curva dei contagi.

In questo modo prosegue l’impegno di Poste Italiane di creare nuove opportunità lavorative all’interno del territorio italiano, anche in un periodo storico segnato dall’emergenza sanitaria ed economica.

Poste Italiane assume anche a Torino: Come candidarsi

Per poter presentare la propria candidatura è necessario inserire il proprio curriculum vitae sul sito di Poste Italiane nella sezione “Posizioni Aperte” e nella pagina “Carriere”.

La selezione avverrà tra coloro che hanno già lavorato in passato come portalettere o come addetto allo smistamento con uno o più contratti a tempo determinato e per almeno sei mesi.

I nuovi dipendenti saranno inseriti entro la metà di marzo per supportare le attività legate al numero sempre maggiore di pacchi in circolazione a seguito dello sviluppo dell’e-commerce.

1699

Related Articles

1699
Back to top button
Close
Close