Articoli HPTerritorio

Territorio, a Torino un piano per la tutela dei mercati rionali

784
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino parte una rivoluzione dei mercati rionali per stare al passo coi tempi.

L’assessore al commercio del Comune Paolo Chiavarino ha diversi dossier sul tavolo che riguardano i supermercati ma soprattutto gli strumenti urbanistici. È in corso una rivoluzione dell’e-commerce online e i negozi del centro devono stare al passo con i tempi.

Come riportato da La Stampa, il tema centrale della questione è dare un supporto strategico al commercio. Questo sarà possibile aiutando gli esercenti e coinvolgendo le associazioni di categoria e le Circoscrizioni.

È necessario modernizzare il commercio per stare al passo con i tempi che galoppano e fornire agli esercizi commerciali ciò di cui necessitano per offrire i giusti servizi territoriali.

La priorità, ora, riguarda i distretti commerciali e i mercati rionali. Piazza Borromini sarà la prima a dare il via al piano mercati: ci sarà una riqualificazione totale, un riassetto del plateatico e il rifacimento degli impianti. Contemporaneamente, ci sarò una riqualificazione di San Secondo con rifacimenti, anche qui, di impianti e bagni. A seguire Porta Palazzo e via Onorato Vigliani.

A Torino un piano per tutelare i mercati rionali: i dettagli

Per quanto riguarda, invece, il mercato all’aperto più grande d’Europa è stato aperto un bando per finanziare nuovi modelli per i banchi, più leggeri, moderni ed uniformi. Entro fine anno si dovrebbe arrivare alla risistemazione totale. Nel frattempo, ci saranno diversi lavori di riqualificazione che riguarderanno i mercati nelle zone più difficili.

Nel dossier dei distretti commerciali rientra anche il progetto annunciato dal sindaco Lo Russo in campagna elettorale. Si tratta di un progetto composto da più unità che favorisce un tipo di commercio diverso per ognuna. Il tipo di commercio è necessario che sia calibrato sulla base delle peculiarità del luogo specifico.

Il protocollo d’intesa verrà formato a febbraio da:

  • Ascom e Confersercenti
  • Camera di Commercio
  • Sovrintendenza
  • Compagnia di San Paolo
  • Fondazione Crt
  • Le due università torinesi
  • Gtt

Il progetto è stato creato per contrastare l’e-commerce che massacra il commercio dal vivo. Potrebbero nascere nuovi siti web per locali che vogliono combattere l’e-commerce online. Il lavoro è già partito dall’assessore Chiavarino che sta procedendo a creare una serie di portali che permettono l’acquisto online senza doversi muovere da casa.

784

Related Articles

784
Back to top button
Close
Close