Economia

Torino, in arrivo MA, la libreria green su modello giapponese

857
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino il 2022 si è aperto con molte novità e tra queste c’è MA, la libreria green concepita su modello giapponese.

Il 6 gennaio, dunque, MA aprirà le sue porte ai cittadini torinesi, accogliendoli con un locale molto innovativo.

La libreria green e contemporanea prenderà così vita negli spazi delle Officine Savigliano, all’interno del centro commerciale di Torino Nord.

Il progetto MA è ideato dal ceo dell’azienda napoletana MOOKS, Paolantonio Serpe, e dai proprietari del brand di abbigliamento Zuiki, Nello e Biagio Nunziata.

Oltre loro, alla nascita di MA hanno contribuito Raffaele Radice, master franchisee del gruppo e Giuseppe Messina, imprenditore, che ha presentato all’Ansa il progetto.

A occuparsi della realizzazione è invece stato Mario Ricciardi, architetto dello Studio Ricciardi.

Il progetto MA si fonda su tre punti fondamentali: ecosostenibilità, comfort e multimedialità.

Questi tre cardini daranno quindi vita a uno spazio in cui cultura e natura si uniscono in modo armonioso ricreando l’ambiente domestico.

Senza ovviamente dimenticare la generazione Z, per cui questo spazio è stato creato ad hoc.

A Torino arriva MA, la prima libreria green su modello giapponese: tutti i dettagli

Anche il nome del progetto, MA, è ricco di significato e in linea con i valori del locale.

Nasce infatti da un ideogramma giapponese, che nel significato italiano può tradursi come “spazio vuoto tra due elementi strutturali”.

Nella cultura giapponese il MA rappresenta lo spazio spirituale all’interno dell’ambiente domestico in cui l’uomo riposo la mente.

Per questo motivo tutti gli arredi della libreria riprendono la curvatura dei tronchi degli alberi.

In questo modo si creerà una galleria che avvolgerà il visitatore, invitandolo ad avvicinarsi alla cultura per farla propria.

All’interno di MA, inoltre, non ci saranno solo spazi dedicati ai libri e alla lettura.

Ci saranno infatti anche una galleria d’arte e fotografica, uno spazio coworking e un angolo “Napoli”. Quest’ultimo spazio sarà organizzato con scelte architettoniche che richiamano l’impianto urbanistico della città.

Torino sarà dunque la prima tappa del progetto MA, che sogna in grande: nel 2022 sono previste infatti altre 10 aperture nelle maggiori città italiane, fino ad arrivare a 30 nel 2024.

(foto ANSA)

857

Related Articles

857
Back to top button
Close
Close