AnimaliArticoli HP

Animali, i lupi attaccano capre e pecore in Val Pellice

923
Tempo di lettura: < 1 minuto

Gli attacchi dei lupi in Val Pellice sono incrementati durante le festività, come già era accaduto ad inizio dicembre. La notte del 27 dicembre tre pecore e una capra sono state attaccate e uccise nel comune di Bricherasio, in strada vecchia di San Giovanni. L’allevatore ha trovato i corpi il mattino seguente. Non si è trattato di un attacco isolato. Infatti, sono stati feriti anche altri animali, tra cui una pecora che poi è morta.

I veterinari dell’Asl To3 si sono occupati degli accertamenti riguardanti gli attacchi. La conferma è arrivata: si tratta di lupi. Anche nella passata stagione si erano verificati episodi simili. In quelle situazioni venivano prese di mira case generalmente senza cane da guardia.

La situazione è critica per le imprese locali che continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza del paesaggio, evitando lo spopolamento e l’abbandono dei territori.

I lupi attaccano il bestiame in Val Pellice: i dettagli

L’attacco del 27 dicembre non è stato l’unico. Anche la zona collinare di Luserna San Giovanni, in località Malanas, è stata colpita. I branchi, che sembrano essere composti da due elementi, hanno colpito e ucciso due pecore. Inoltre, ci sono stati due attacchi anche in zona Lantaret, dove sono caduti vittima due capi bestiame.

Gli allevatori richiedono al più presto un piano di contenimento per la situazione. La Città Metropolitana ha organizzato per l’occasione degli incontri col fine di sensibilizzare i pastori sull’argomento. Questi incontri di supporto sono diretti da esperti in materia di lupi e di attacchi agli allevamenti. Saranno dedicati alla dispensazione di consigli per proteggersi e alla fornitura di giuste recinzioni per proteggere le greggi.

La Val Pellice sarà il punto di partenza di queste riunioni, data la densità di attacchi che la riguardano. Si contano, infatti, oltre 60 animali uccisi nell’ultimo anno e 30 dispersi in seguito agli attacchi. Successivamente si passerà al Canavese e alle zone di pianura.

923

Related Articles

923
Back to top button
Close
Close