Articoli HPEnogastronomia

Torino, in città arriva l’Antica Focacceria San Francesco

16989
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino, ancora una volta, accoglie un’altra specialità gourmet, confermandosi una meta ambita dagli imprenditori del settore, È arrivata la conferma dell’arrivo dell’Antica Focacceria palermitana San Francesco.

L’annuncio è arrivato subito dopo quello dell’imminente apertura della nuova pizzeria napoletana di Gino Sorbillo (via XX Settembre).

L’apertura della focacceria San Francesco è prevista per il 2022. Questa attività nasce nel 1834 a Palermo e ancora oggi richiama nel centro storico della città siciliana appassionati da tutta Italia. E non solo.

L’annuncio della nuova apertura sotto la Mole è stato dato da Leopoldo Resta, amministratore delegato di Cirfood Retail. Resta ha, inoltre, acquisito da Feltrinelli il 100% delle quote della storica insegna. Il suo obiettivo era quello di sviluppare i punti vendita ma sempre mantenendo una conduzione familiare e una tradizionale offerta ristorativa.

L’Antica Focacceria San Francesco arriva a Torino: i dettagli

Attualmente si contano circa una dozzina di locali sparsi in tutta Italia. A capo dei punti vendita ci sono sempre i fratelli Fabio e Vincenzo Conticello – da sei generazioni. I due fratelli si occupano degli acquisti del pesce e delle verdure fresche al mercato della Kalsa. Inoltre, le ricette vengono spedite dagli stessi in monoporzioni e regolarmente abbattute, nelle diverse strutture.

Il luogo preciso nel quale verrà realizzato il punto vendita torinese della focacceria San Francesco non è stato ancora stabilito. Nonostante ciò, e nonostante le difficoltà che la pandemia aggiunge, Leopoldo Resta non ha dubbi su Torino. Dapprima verrà inaugurata una nuova apertura a Roma e successivamente, dopo Torino, anche nell’aeroporto di Palermo ci sarà un nuovo punto vendita.

Il tempio dello street food palermitano vanta già numerose strutture in giro per la penisola, tra cui:

  • Milano
  • Trieste
  • Mantova
  • Brescia
  • Roma
  • Catania
  • Caserta
  • Firenze

Il segreto del successo della focacceria San Francesco risiede nella sua tradizione. Infatti, nel 1860 la focacceria divenne la “mensa” di Giuseppe Garibaldi. L’anno successivo ci fu un’innovazione senza precedenti con la preparazione della “pasta ch’i sardi”. Infatti, questo tipo di pasta, era riservata ai reali e la sua preparazione nella focacceria suscitò grande indignazione tra i nobili.

Inoltre, anche Pirandello e Sciascia amavano frequentare la focacceria San Francesco. Vennero conquistati dal cuore della gente di quartiere e grazie ad un cibo schietto e ben preparato.

Alcune specialità siciliane proposte:

  • Arancini al ragù di carne
  • Panelle
  • Sfinciuni
  • Pani ca’ meusa
  • Caciocavallo dell’argentario
  • Caponata di melanzane

La tradizione centenaria ha portato la focacceria a mantenere un successo indiscusso nel corso del tempo. Fin dal tempo in cui il Principe di Cattolica donò al cuoco di corte Salvatore Alaimo la cappella del palazzo, luogo di nascita della Focacceria. Ancora oggi l’unione delle tradizioni umili dello street food e la cucina popolare siciliana conquistano il cuore di tutti.

16989

Related Articles

16989
Back to top button
Close
Close