Articoli HPTerritorio

Torino, trovata la spa di Isabella di Baviera a Palazzo Chiablese durante un restauro

2934
Tempo di lettura: < 1 minuto

Durante il restauro di una sala a Palazzo Chiablese a Torino è stata rinvenuta una spa dell’800 utilizzata da Isabella di Baviera.

La cognata della Regina Margherita di Savoia era la beneficiaria della sala di bellezza che si è mostrata con tutta la sua eleganza.

I curatori del restauro non erano a conoscenza dell’ambiente, coperto da un muro di tappezzeria e arrivato agli occhi dei restauratori per caso.

La residenza nobiliare da tempo ospitava mostre, e i curatori avevano deciso di operare lavori per ripristinare il suo antico splendore.

La scoperta è meravigliosa, e mostra quanto ancora le residenze reali di Torino abbia da mostrano.

Scoperta la spa di Isabella di Baviera a Palazzo Chiablese a Torino durante un restauro: i dettagli

Luisa Papotti è la sovraintendente che stava dirigendo i lavori di restauro e che ha constatato la presenza di una spa all’interno della residenza. La stessa Papotti si è detta sorpresa e meravigliata del ritrovamento, del tutto inaspettato e casuale.

I restauratori erano nella sala dell’appartamento della Duchessa di Genova, che si affaccia sulla piazzetta reale, a rimuovere della tappezzeria, quando hanno scoperto un ambiente ignoto della residenza.

I presenti hanno rinvenuto un bagno e una sala antesignana di una spa dell’800.

La nuova sala è stata immediatamente inserita nel progetto del restauro, e i curatori sperano di ultimare i lavori di rifacimento entro la primavera del 2022. I sovraintendenti sperano di mostrare il meraviglioso spazio ai torinesi e agli appassionati nel minor tempo possibile.

La spa inoltre offre un divanetto dove Isabella di Baviera era solita riposare, e presenta anche un puttino che si specchia, simbolo di vanità.

I restauratori, con un minuzioso lavoro di ricerca, hanno subito scovato tutti i dettagli dell’ambiente al fine di riprodurre in maniera più fedele l’aspetto originario della sala.

Gli appassionati dovranno tuttavia attendere alcuni mesi prima di poter ammirare l’eccezionale scoperta.

2934

Related Articles

2934
Back to top button
Close
Close