Articoli HPSanità

Piemonte, riaperti i reparti Covid negli ospedali: ancora troppi non vaccinati a Torino

674
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Covid continua a essere presente tra noi, e in Piemonte i reparti dedicati ai contagiati dal virus saranno riaperti negli ospedali.

L’emergenza continua a non dare respiro, e la nuova stagione di freddo e le nuove varianti, come la Delta, alzano l’asticella dell’attenzione.

Una situazione da sempre grave in Piemonte, infatti i decessi hanno superato da diverso tempo le 10 mila unità, e il dato continua sensibilmente ad aumentare.

Le autorità, malgrado la vaccinazione prosegua senza sosta, lanciano l’allarme in prossimità della stagione autunnale e invernale.

Reparti Covid riaperti negli ospedali in Piemonte: i dettagli

ASL Piemonte e la Regione si dicono preoccupati per la situazione pandemica e potrebbero attuare misure di contenimento della pandemia.

Le motivazioni sono il clima più rigido che inevitabilmente porteranno settembre e ottobre. Inoltre preoccupano i ritorni delle vacanze, soprattutto per quanto concerne nazioni a rischio o soggetti che hanno frequentato luoghi di aggregazione. Altro fattore di aumento di rischio deriva dalle aperture scolastiche.

Ma soprattutto desta molta preoccupazione la situazione ancora alta di soggetti che non hanno effettuato nessuna dose di vaccino.

Torino è pronta a riaprire il reparto Covid dell’ospedale Oftalmico, sede del secondo ospedale Covid dopo l’ex OGR, con 34 posti letto.

All’Amedeo di Savoia i posti sono in esaurimento, e la situazione comincia a risultare molto allarmante, dove i 40 posti letto nei due reparti sono sempre meno.

L’ospedale Mauriziano e alla Città della Salute la decisione di chiudere i reparti preposti slitta ogni settimana, senza una scadenza.

Tuttavia un altro fattore di rischio è la mancanza di personale legate alle sospensioni del personale medico non vaccinato. Questo rischia di condizionare ancor di più la lotta al virus, creando più pressione sul personale rimasto a lavoro.

Diverse regioni, tra cui il Piemonte stesso, hanno chiesto la revisione di questa normativa in un Board col governo.

674

Related Articles

674
Back to top button
Close
Close