Articoli HPTerritorio

Il Lago di Rochemolles: una meraviglia artificiale a Bardonecchia

2112
Tempo di lettura: 2 minuti

La Val di Susa offre ai propri visitatori uno spettacolo unico nel suo genere: il Lago di Rochemolles, in un frazione del Comune di Bardonecchia.

Uno spettacolare letto d’acqua a pochi chilometri da Torino, meno di due ore di automobili, nato non per mano di madre natura ma dell’uomo.

Infatti quello di Rochemolles è un lago artificiale nato per esigenze idroelettriche nel corso degli anni ’30, diventato tuttavia un sito di interesse turistico, soprattutto per gli amanti della natua.

Una vista apprezzabile soprattutto nella stagione del Foliage, una delle preferite dai piemontesi. Infatti, per celebrare la caduta delle foglie in regione viene organizzato il Treno del Foliage, che ha un itinerario da sogno, da Domodossola a Locarno, sul lago Maggiore svizzero.

Il Lago di Rochemolles: una meraviglia artificiale che esalta la natura

La storia del Lago di Rochemolles a Bardonecchia

L’Azienda Autonoma Ferrovie dello Stato negli anni ’30 per creare una rete di energia per le proprie linee, creò una diga del tipo a gravità.

Questo piano portò anche alla creazione dell’omonima ferrovia del Rochemolles.

La diga ha un invaso di 3,45 milioni di m³ e fornisce acqua ad una centrale idroelettrica a Bardonecchia. La centrale, a seguito della nazionalizzazione del servizio di produzione elettrica, è passata nelle mani di ENEL, che attualmente ne detiene ancora la proprietà.

Il lago si è creato a monte della diga, prima in direzione sud-nord per poi piegare lievemente verso est nel suo tratto terminale. Il letto d’acqua è sito a un paio di chilometri da Bardonecchia, esattamente nella frazione di Rochemolles.

Una delle principali caratteristiche del lago è il colore dell’acqua che si presenta in una suggestiva cromatura turchese.

Arricchisce l’esperienza il meraviglioso panorama, che presenta piccole cascate che si terminano nello corso d’acqua valsusino e dalla parte opposta un bosco di larici.

Inoltre questo lago è fonte di ispirazione per lunghe passeggiate. Infatti la zona è ricca di sentieri boschivi che in alcuni tratti terminano nel Rifugio Scarfiotti, situato a 2165 metri di altitudine.

Invece i più temerari ed esperti possono spingersi fino ad un’altitudine di oltre 3000 metri per godere il panorama dal Colle del Sommelier.

Anche i fedeli e gli amanti d’arte possono trovare attrazioni in zona, come la Chiesa di San Pietro Apostolo, l’edificio religioso più antico del circondario. La chiesa presenta al suo interno la cappella in onore di San Sebastiano, che ospita una statua del ‘400 della Madonna e alcuni dipinti del ‘500.

Il Lago di Rochemolles: una meraviglia artificiale che esalta la natura

Come raggiungere il Lago artificiale

Il Lago di Rochemolles è agilmente raggiungile con diversi mezzi.

Il mezzo prediletto per raggiungere il lago è l’automobile, arrivando dapprima a Bardonecchia e poi seguendo le indicazioni stradali per la frazione di Rochemolles.

Per gli amanti delle camminate o della bicicletta la zona lacustre è accessibile mediante bacini il percorso pianeggiante di Bardonecchia per poi seguire le indicazioni stradali verso il bacino di Frejusia dalla frazione di Millaures.

Il comune di Rochemolles inoltre ha una strada ad uso esclusivamente pedonale indicato con un cartello “strada pedonale per la diga”.

Dal 29 giugno al 25 agosto inoltre è disponibile una navetta da Bardonecchia verso la frazione.

Altre informazioni sul sito web del lago, consultabile cliccando qui.

2112

Related Articles

2112
Back to top button
Close
Close