Articoli HPStoria

Torino, digitalizzato un antico manuale per giocare a scacchi: è del 1597

909
Tempo di lettura: < 1 minuto

La tecnologia, a Torino, ha permesso di offrire al mondo il più antico manuale di scacchi disponibile online, edito nel 1597, dopo che è stato digitalizzato.

Gli scacchi sono tra i giochi di strategia più diffusi al mondo, e si hanno prime testimonianze di questo gioco a partire dal sesto secolo in India.

Nel corso dei secoli diversi manuali sono stati scritti in materia, tuttavia molti dei quali sono stati distrutti o conservati in biblioteca.

Digitalizzato a Torino un antico manuale di scacchi del 1597: i dettagli

La Biblioteca storica della Città Metropolitana di Torino, intitolata alla memoria di Giuseppe Grosso, ha digitalizzato alcune opere.

Il CNR di Torino, grazie al laboratorio DigiBESS, ha reso possibile il complesso lavoro di scannerizzazione del testo.

Il testo è “Il Libro nel quale si tratta della maniera di giuocar’ à scacchi“, opera del 1597. Antonio de’ Bianchi ne ha curato l’edizione a Torino, ed è uno dei duecento testi del ‘500 disponibile nella struttura piemontese.

Horatio Gianutio della Mantia ha curato la composizione in 128 pagine dei rudimenti del gioco degli scacchi. Le pagine si compongono inoltre di decori e disegni che impreziosiscono l’opera nel complesso.

Il libro è composto da un capitolo introduttivo e tre capitoli che analizzano regole e tattiche del complesso gioco strategico.

L’opera integrale è disponibile sul sito web della Biblioteca della Città Metropolitana di Torino o cliccando qui.

Non solo gli scacchi: A Torino digitalizzati anche i papiri

Così come il Manuale di Scacchi, a Torino è possibile ammirare online un altro pezzo di storia interamente digitalizzato.

Infatti il Museo Egizio di Torino ha messo in rete centinaia di scannerizzazioni di storici papiri.

Il progetto si chiama Turyn Papyrus Online Platform (TPOP), e ha visto coinvolte diverse città europee: Monaco di Baviera, Leiden, Copenaghen, Uppsala, Liegi, Basilea e Lipsia.

Gli storici reperti sono consultabili cliccando qui.

909

Related Articles

909
Back to top button
Close
Close