Articoli HPTerritorio

A Torino arriva Hostelzzz: l’ostello dove si dorme in capsule

17338
Tempo di lettura: < 1 minuto

Malgrado il periodo complesso, a Torino arriva una nuova soluzione per il settore ricettivo: in città arriva l’innovativo Hostelzzz.

La particolare struttura, che trova i suoi fondamenti nella cultura giapponese, sorgerà nell’ex foresteria della ferrovia in via Sacchi.

La zona vuole rilanciarsi, e infatti sono state molte le proposte e i progetti per far risorgere il quartiere, ma al momento le richieste sono cadute nel dimenticatoio.

La speranza dei residenti è che questo nuovo ostello possa attrarre molti turisti o semplici curiosi.

La struttura manterrà lo spirito ricettivo, tuttavia adesso abbraccerà un modo nuovo di ospitare turisti e curiosi, al passo coi tempi.

Hostelzzz arriva a Torino nell’ex foresteria di Ferrovie dello Stato: i dettagli

Hostelzzz è una nuova forma di albergazione, che richiama gli ostelli a capsula provenienti dal Giappone.

La struttura offre 192 capsule componibili e che permettono agli utenti privacy, malgrado l’area comune, oltre a una serie di capsule private e camere individuali.

La gestione della reception sarà interamente automatizzata, e la gestione della camera è gestita tramite una piattaforma social.

Gli utenti potranno anche mangiare all’interno della struttura, dov’è prevista una tavola fredda, tuttavia, visti gli spazi comuni, non sarà possibile alloggiare col proprio animale domestico, anche se di piccola taglia o alloggiato nel trasportino.

La Città della Mole è la seconda metropoli italiana coinvolta dal progetto, dopo Milano, dove i costi si aggirano attorno ai 38€ per notte, mentre a Torino non sono stati ancora annunciati i prezzi per pernotto.

Il Comune di Torino ha deliberato la trasformazione dell’edificio di 1800 metri quadri, diviso in quattro piani. L’edificio era in forte stato di abbandono, e la Giunta Comunale ha approvato senza indugi il nuovo progetto per l’edificio.

La previsione di completamento dei lavori è prevista per la prossima primavera, mentre per il taglio del nastro manca ancora la data.

17338

Related Articles

17338
Back to top button
Close
Close