Territorio

Torino, sulla pista del Lingotto verrà istituito il giardino pensile più grande d’Europa

6649
Tempo di lettura: < 1 minuto

Tra pochi mesi il giardino pensile più grande d’Europa verrà svelato sulla Pista sul Tetto del Lingotto.

L’opera si appresta a vedere la luce nel prossimo mese di settembre, e già si candida a diventare uno dei simboli della città della Mole. L’inaugurazione era inizialmente programmata per il prossimo mese di luglio, ma la giovane vita delle piante ha imposto prudenza.

Il ritardo è motivato per rendere il colpo d’occhio ancora più suggestivo, ma soprattutto di vedere il progetto nel suo intero potenziale.

Un’apertura straordinaria, che avviene a pochi mesi dall’inaugurazione dell’estensione della metro 1, che arriverà proprio in zona.

A Torino arriva il giardino pensile più grande d’Europa sulla pista del Lingotto: i dettagli

Proiettare Torino nel futuro è da sempre uno degli obiettivi della giunta comunale, che lavora a stretto contatto coi privati per raggiungere questo scopo.

Il tetto del lingotto diverrà un’area verde estesissima, grazie a 28 mila tra piante e alberi che darà nuova linfa alla zona. Le piante sono state donate dalla ditta Stellantis e FIAT, che sta costruendo con la fabbrica d’auto torinese il futuro degli spostamenti sostenibili.

L’apertura era programmata il 4 luglio, ma per allora le piante non sarebbero state pronte. La vegetazione ha bisogno di crescere ed adattarsi, per questo i responsabili del progetto taglieranno il nastro approssimativamente attorno al 22 settembre.

La ricchissima vegetazione è totalmente autoctona, quindi a chilometro zero, e avranno lo scopo di assorbire le immissioni inquinanti. Le due ditte stanno cooperando per creare una rete di automobili interamente sostenibili tra il 2025 3 il 2030.

Per questo hanno destinato i fondi marketing alla creazione del giardino pensile, che sarà tra i più grandi al mondo. L’area resterà proprietà della FIAT, ma sarà destinata interamente alla città di Torino.

I progettisti dell’opera sono inoltre convinti che la zona posa diventare presto un polo turistico in grado di attrarre molti curiosi.

Tag
6649

Related Articles

6649
Back to top button
Close
Close