Articoli HPTerritorio

Torino, la ristorazione riparte raddoppiando dehors e tavolini: ne risentono i posti auto

1382
Tempo di lettura: < 1 minuto

La pandemia ha raso al suolo il settore della ristorazione, e a Torino i posti a sedere all’aperto e i dehors raddoppiano, ne risentono i posti auto.

La crisi ha portato nella sola Torino ben 549 ristoranti chiusi per sempre, complicando l’economia locale.

Per questo motivo il Comune ha deciso di apporre e votare una deregulation per la questione su tasse e concessioni di suolo pubblico.

La mozione è stata votata e approvata in questa primavera, per ovviare alle numerose richieste da parte dei ristoratori. Il DPCM ha previsto nella prima fase la consumazione al tavolo solo in esterna, costringendo i gestori di locali ad adeguarsi di conseguenza.

Seppure attualmente i decreti legislativi permettano di consumare pasti e bevande all’interno dei locali, il caldo rende l’opzione all’aria aperta la scelta ideale per i commensali.

La ristorazione a Torino riparte dal raddoppio dei Dehors: numeri raddoppiati

Le richieste concesse di nuovi Dehors arrivati al palazzo di città sono circa novecento unità, con annessi novemila tavolini. Questo ha portato il numero di Dehors in città a 3300 unità, con una stima di 33 mila tavolini posizionati sul suolo pubblico.

A questi numeri vanno aggiunti inoltre le richieste di spazi espositivi sul suolo pubblico, come i fiorai. Queste manovre hanno portato alla chiusura delle strade, riducendo sensibilmente i posti auto.

Inoltre l’invasione dello spazio pubblico di strutture semimobili e tavolini impedisce anche il corretto traffico pedonale. Tavoli e coperture riducono lo spazio sui marciapiedi, costringendo i passanti a procedere in fila indiana.

Malgrado la maggiore copertura di posti a sedere, i titolari lamentano la mancanza di clientela legata al turismo e agli studenti. Infatti la didattica a distanza in ambito universitario ha portato molti studenti a tornare verso le proprie città di residenza.

La concessione, fanno sapere da Palazzo di Città, durerà almeno fino al termine della pandemia.

1382

Related Articles

1382
Back to top button
Close
Close