Articoli HPCronaca di Torino

Torino, due ragazzi ubriachi cadono nel fiume: salvati dai vigili del fuoco

232
Renault Clio Autovip
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il ritorno alla normalità ha portato i giovani a riassaporare la vita quotidiana, ma venerdì sera a Torino si è sfiorata la tragedia: due ragazzi sono caduti nel fiume, ubriachi, ma sono stati salvati dai vigili del fuoco.

L’episodio si è registrato nei pressi di Ponte Ruffini, dove i ragazzi sporgendosi sono caduti nelle acque del fiume.

I vigili del fuoco salvano due ragazzi caduti nel fiume ubriachi a Torino: il racconto

I Pompieri del comando provinciale di Torino hanno salvato due ragazzi caduti in acqua nella sera di venerdì.

L’episodio è avvenuto attorno alle ore 21, quando due giovani ragazzi italiani sono fortuitamente caduti nel Po, nei pressi di Ponte Ruffini.

I ragazzi, presumibilmente ubriachi stando ai racconti dei passanti, sono precipitati in acqua dopo un gioco di abilità. Infatti i due, secondo le testimonianze, hanno perso l’equilibrio dopo una sfida a camminare in riva al fiume.

I due sono riusciti ad aggrapparsi agli argini in pietra del fiume, evitando così di farsi trascinare nel cuore del fiume. Tuttavia, vista la scarsa visibilità e la corrente del fiume i giovani non sono riusciti a risalire l’argine, costringendo le forze dell’ordine all’intervento.

I passanti hanno subito contattato i soccorsi, che giunti sul posto hanno portato in salvo i giovani. Solo molto spavento, ma per entrambi non c’è stato bisogno del ricovero, le autorità sanitarie hanno soltanto asciugato i due, medicati e dopo poco li hanno rilasciati.

I vigili del fuoco hanno redarguito i giovani a riprovare la bravata, sottolineando i pericoli del bere.

Un gesto avvenuto nel Po, che solo qualche giorno fa ha lamentato una strano affioramento di flora autoctona. I responsabili dell’ARPA hanno assicurato che le piante non siano dannose per l’uomo, tuttavia hanno costretto i giovani allievi del Circolo del Canottaggio a rivedere la gara in programma ieri.

232

Related Articles

232
Back to top button
Close
Close