Articoli HPTerritorio

Torino, i lavori per il supermercato Esselunga in corso Bramante ripartono

7116
Tempo di lettura: < 1 minuto

Una vera e proprio telenovela quella dell‘Esselunga di corso Bramante a Torino: dopo tre mesi di stallo i lavori ripartiranno.

I lavori si erano fermati a metà dello scorso febbraio dopo il veto pronunciato dal consiglio di stato, che aveva bocciato la delibera comunale del 2017.

Il consiglio comunale ha deliberato la ripresa dei lavori di completamento, dove l’ufficialità del verdetto dovrebbe arrivare il prossimo 17 maggio.

Le attività per il completamento dell’ipermercato, con tutta l’urbanistica al seguito riprenderanno il prima possibile, ma non si esclude che possano riprendere dopo l’estate.

Il gruppo Esselunga così potrà riabbracciare un progetto su cui ha investito molto, vincendo la diatriba legale con il gruppo Carrefour.

Esselunga in Corso Bramante a Torino: le tappe della vicenda

Dopo tre mesi di stop forzato, l’Esselunga di corso Bramante ha conosciuto il proprio destino, e potrà vedere la luce.

La vicenda parte nel 2017, quando la giunta comunale ha deliberato la concessione dell’ex concessionaria FIAT al gruppo Esselunga per un ipermercato di ventiquattro mila metri.

Alla base della concessione c’è la legge 106 del 2011, che prevede le riqualificazioni delle zone degradate delle città.

A questa concessione si è opposta la catena francese di supermercati Carrefour, sostenendo illegittima tale ordinanza.

I lavori tuttavia erano partiti nel 2019, e la chiusura era prevista nel giugno del 2021, ma il Covid e le sentenze hanno bloccato il progetto a pochi mesi dal traguardo.

Il 15 febbraio del 2021 il consiglio di stato ha dato ragione alla catena transalpina, ordinando lo stop dei lavori. Alla base di questa sentenza c’era il progetto del gruppo italiano, che prevedeva la riqualificazione del solo edificio, e non dell’area urbana.

Nella giornata di ieri la giunta comunale ha ribaltato il consiglio di stato, sostenendo che il progetto riqualifichi l’intera zona e non soltanto lo stabile.

Questo nuovo via libera permetterà alla zona di avere un nuovo ipermercato, salvaguardando le casse comunali, minacciata da una richiesta di risarcimento da parte della catena di supermercati nostrana.

7116

Related Articles

7116
Back to top button
Close
Close