Articoli HPSanitàTerritorio

Un finanziamento da 2.5 milioni a un biologo dell’università di Torino per la lotta ai tumori

881
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ancora un riconoscimento al personale dell’università di Torino: Alberto Bardelli ha ricevuto un finanziamento da 2.5 milioni di euro per la lotta ai tumori.

Un progetto d’eccellenza nella cura oncologica, che ha portato il luminare piemontese a fare un passo decisivo per la cura del tumore.

Il progetto “Targeting DNA repair pathaways, sparking anticancer immunity” è risultato tra l’8% dei progetti finanziati (su 746 proposti) e uno dei tre italiani a ricevere una somma di denaro.

Il riconoscimento è arrivato dall’ERC – European Research Council – che premia le eccellenze scientifiche in ambito europeo.

Ad Alberto Bardelli dell’università di Torino il finanziamento ERC per la lotta ai tumori: il progetto

Il docente del dipartimento di oncologica dell’Università di Torino e direttore del laboratorio di oncologia molecolare all’istituto candiolo IRCSS è uno dei firmatari di un progetto potenzialmente rivoluzionari.

Il “Targeting DNA repair pathaways, sparking anticancer immunity” potrebbe segnare una nuova era per la cura ai tumori.

Il team di cui Bardelli fa parte ha mostrato come una cellula tumorale accenda delle “luci di posizione” e sia individuabile dal sistema immunitario. Il corpo così può reagire aggredendo ed eliminando il pericolo.

Il progetto ha visto la luce nel 2017, quando uno studio su delle cavie ha mostrato che le cellule tumorali si illuminano, diventando individuabili dal nostro organismo.

Questo potrebbe essere un passo decisivo della lotta ai tumori, permettendo di salvare molte vite umane.

L’ERC ha sovvenzionato il progetto per 2.5 milioni di euro, permettendo al team di Bardelli di proseguire la ricerca. L’Advanced Grant Award 2020 ha premiato 60 progetti, tra cui quello del team italiano.

Il premio permetterà di studiare la reazione del sistema immunitario a queste “luci di posizione” nel lungo periodo, e di stabilirne un andamento preciso per future terapie.

Questo titolo arriva a pochi mesi dal riconoscimento a Chiara Ambrogio, dell’università di Torino, premiata per la sua lotta al cancro.

881

Related Articles

881
Back to top button
Close
Close