ArteArticoli HP

Riapertura Cappella Sindone: conclusi i restauri dell’altare di Antonio Bertola

840
Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi, 30 marzo 2021, la Cappella della Sindone vede un’ulteriore riapertura: l’altare realizzato da Antonio Bertola.

Una tappa storica che si aggiunge alla prima riapertura del 2018 quando i fedeli e i curiosi hanno potuto riammirare la cappella distrutta nel 1997.

L’11 aprile del 1997 un incendio aveva gravemente danneggiato l’opera architettonica di Guarino Guarini che in un primo momento apparivano irreversebili.

Il 27 settembre del 2018, a distanza di oltre ventuno anni, una prima riapertura riconsegnò alla città della Mole un pezzo della propria storia.

Oggi, dopo tre anni da quella prima consegna, i cittadini di Torino potranno ammirare nuovamente la maestosità dell’altare.

Riapertura Cappella Sindone: conclusi i restauri dell'altare di Antonio Bertola

Riapertura dell’Altare della Cappella della Sindone: i dettagli

I lavori per il completamento del restauro sono stati co-finanziati dal Ministero per la cultura – attraverso il progetto Art Bonus 2018 -, dalla Fondazione Compagnia di San Paolo e dalla raccolta del 1997 della Fondazione La Stampa-Specchio dei Tempi.

Il Consorzio San Luca di Torino ha effettuato il restauro sotto la direzione dell’architetta Marina Ferroggio e la restauratrice Tiziana Sandri. I lavori hanno permesso all’altare di ritrovare la sua originaria immagine architettonica.

Gli interventi si sono concentrati maggiormente nei comparti lapidei e nella strutture in legno, le più colpite dalle fiamme del 1997.

Inoltre i restauratori hanno posizionato nella loro collocazione originaria anche gli apparati scultorei sopravvissuti al rogo di ventiquattro anni fa. Gli addetti ai lavori hanno inoltre ripristinati gli arredi sacri e le balaustre dorate dei tre coretti perse nel rogo.

Le norme anti Covid purtroppo non permetteranno ai fedeli di riammirare la bellezza originaria del restauro, tuttavia dal 31 marzo al 7 aprile verrà aperto il grande finestrone della cappella per ammirare uno scorcio della navata e dell’altare.

La consulta per la valorizzazione dei beni artistici culturali della città di Torino sta promuovendo un percorso multimediale per permettere ai curiosi di scoprire tutti i dettagli del restauro. I promotori di questa iniziativa stanno creando un’applicazione che sfrutterà la realtà aumentata per fare vivere ai fedeli un’esperienza unica.

L’applicazione arriverà negli store Google ed Aplle in concomitanza con la riapertura dei Musei Reali. Ribes Solution e Visivalab stanno curando la creazione del percorso multimediale.

840

Related Articles

840
Back to top button
Close
Close