Articoli HPTerritorio

I vigili di Torino devono fare più multe: la denuncia del sindacato contro il Comandante

5460
Tempo di lettura: 2 minuti

I vigili Torino sollecitati a fare più multe: i sindacati denunciano la situazione

I vigili di Torino hanno l’obbligo di fare Piemonte.

È questa la forte denuncia che proviene dal sindacato Csa-Cisal degli agenti. Si tratta di un attacco frontale dell’organizzazione nei confronti del comandante Emiliano Bezzon, al quale viene imputata la richiesta di aumentare il volume di verbali.

Nello specifico, durante il 2021, i Civich dovrebbero riuscire a realizzare il 30% in più delle multe rispetto al 2019. Si parla di numeri piuttosto elevati, soprattutto se si tiene conto che c’è una pandemia in corso, le persone escono di meno e le occasioni di effettuare un’infrazione sono nettamente minori rispetto alla normalità. Nel 2019 ancora non si facevano i conti con una pandemia, cosa che invece ci siamo abituati a vivere negli ultimi dodici mesi. E soprattutto, le condizioni economiche e sociali erano molto migliori rispetto a ora, per migliaia di cittadini.

Fatte queste premesse, risulta difficile per i vigili fare più multe a Torino.

Nonostante scarseggino le possibilità di commettere delle irregolarità e di ricevere dunque delle sanzioni, i torinesi dovranno essere soggetti a maggiori penalità. Almeno, questa è la teoria avanzata dai sindacati, che hanno utilizzato toni abbastanza aspri nelle loro dichiarazioni. Addirittura si dice che il Comandante abbia demandato ai vigili la funzione di esattori delle tasse per rimpinguare le entrate pubbliche. Un’accusa piuttosto pesante, alla quale presto dovrà fare seguito una replica.

Le altre accuse al Comune di Torino

Le accuse sulla volontà di far cassa non provengono soltanto da ambienti interni al Comune.

L’amministrazione comunale, nel corso degli ultimi mesi, ha provveduto all’installazione di diversi semafori Vista Red, che saranno integrati da nuovi dispositivi nelle settimane a venire.

I verbali staccati da questi particolari semafori con rilevatore di regolarità sono stati finora oltre 120mila. Di questi, quasi 110mila sono stati formalizzati esclusivamente per il superamento della linea di arresto, mentre solo una minima parte è da ricondurre al superamento del semaforo rosso.

Per questo c’è stata una vera e propria pioggia di ricorsi. Si sprecano le lamentele e le insinuazioni degli automobilisti sulla volontà Palazzo Civico di fare cassa su irregolarità un tempo non considerate. Basti pensare che il gettito stimato è stato di oltre 14 milioni di euro.

Tutto questo denaro proveniente dalle multe ai cittadini può rivelarsi un tesoretto utilissimo per tantissime funzioni di pubblica utilità. Forse il loro corretto utilizzo potrebbe essere un modo per mettere a tacere tante voci circa i metodi con cui le casse pubbliche vengono rinvigorite.

5460

Related Articles

5460
Back to top button
Close
Close