Articoli HPSanità

L’indice RT in Piemonte scende, ma la Regione resta Zona Rossa

11526
Tempo di lettura: 1 minuto

L’indice RT in Piemonte in calo, ma la zona rossa permane: niente riapertura a Pasqua

L’indice RT in Piemonte sta migliorando.

È questa la grande notizia che emerge dalle ultime rilevazioni effettuate dagli analisti del settore. Con l’introduzione della zona rossa e delle forti limitazioni, sia a livello regionale sia a livello nazionale, in tutto il Piemonte si stanno registrando dei segnali positivi, per ora abbastanza timidi.

Osservando i dati si può notare come l’indice RT sia sceso da 1,41 a 1,30. Un calo abbastanza marcato, ma che comunque non può essere sufficiente per giustificare l’allentamento della morsa sulle restrizioni.

Basti pensare, che all’inizio del mese di marzo, si era registrato un balzo da 1,02 a 1,18. Una variazione che è stata poi il preludio del passaggio dalla zona gialla e arancione a quella rossa nel giro di pochi giorni. Bisogna tenere presente che il tetto fissato per adottare il massimo livello di allerta è di 1,25. Un limite che è stato ampiamente superato all’inizio della scorsa settimana, ma che sembra stia lentamente rientrando grazie alla riduzione degli spostamenti e dei contatti.

La situazione in Piemonte

Nonostante queste premesse, la Regione non ha intenzione di tornare in zona arancione nemmeno durante le festività pasquali. In tanti, tra i piemontesi che intendono spostarsi e tra gli imprenditori del settore della ristorazione, stavano sperando e continuano a sperare che l’amministrazione regionale faccia uno strappo alla regola per Pasqua e Pasquetta. L’impressione però è che si vada nella direzione opposta, per continuare a far scendere l’indice RT e per tornare quanto prima alla zona gialla, in virtù del calo dei contagi.

È vero che la Regione ha, come primo obiettivo, quello della tutela della Salute dei cittadini. È anche vero però che, per perseguirlo, ha bisogno di contenere tutto ciò che è in suo potere.

Resta il fatto che, a livello europeo, il Piemonte viene percepito come zona rossa rafforzata. Un’area all’interno della quale il contagio è molto più semplice rispetto ad altre realtà. L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunque reso noto che i contagiati di oggi sono stati 1500. Si può constatare un calo rispetto al trend della settimana scorsa, quando si registravano mediamente 2mila unità al giorno.

Insomma, la Regione invita a stringere ancora i denti per alcune settimane, portando avanti nel mentre la campagna di vaccinazione. Si intravede la fine del tunnel, ma occorre ancora un po’ di attesa ed altri sacrifici per raggiungere gli obiettivi.

11526

Related Articles

11526
Back to top button
Close
Close