Articoli HPEventi

Luoghi del Cuore Fai: vince la Cuneo-Ventimiglia-Nizza

935
Tempo di lettura: 2 minuti

Costruita nel 1928 per collegare l’Italia con la Francia, la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza si classifica al primo posto nella classifica dei Luoghi del Cuore Fai 2020

La tratta Cuneo-Ventimiglia-Nizza si aggiudica la vittoria del censimento “Luoghi del Cuore Fai” 2020.

Una nuova conferma per la magnifica opera ferroviaria nata nella prima metà del XX secolo.

Nella giornata di giovedì 25 febbraio infatti, il Fai nazionale si è riunito per decretare i vincitori della decima edizione della campagna che si pone come obiettivo la valorizzazione dei beni meno noti del nostro Paese.

La ferrovia ha raccolto 75mila voti complessivi che di fatto la proclamano come il più bel sito dall’inestimabile patrimonio storico-culturale.

Adesso, per la tratta francese, lo Stata disporrà 350 milioni di euro che serviranno per ripristinare la linea dopo l’alluvione del 2 ottobre.

Inoltre, potrà anche sfruttare i 50mila euro di premio del concorso, in modo da rilanciare il valore storico e ambientale con un progetto comune.

La terza ondata di contagi in Piemonte potrebbe essere più prolungata di quanto si possa immaginare
La terza ondata di contagi in Piemonte potrebbe essere più prolungata di quanto si possa immaginare

La ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza nasce nel 1928

Frutto di un impegno transfrontaliero, la tratta rappresenta una straordinaria opera dell’ingegno umano, che sfidando le regole della fisica crea un collegamento tra regioni e nazioni.

Il suo percorso infatti unisce l’Italia con la Francia, attraversando il Piemonte meridionale e le alpi marittime per arrivare in Liguria e proseguire lungo la Costa Azzurra.

La ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza viene ufficialmente completata nel 1928.

Ma in realtà il suo progetto nasce dal genio di Camillo Benso Conte di Cavour quasi cinquant’anni prima.

L’intenzione del primo ministro piemontese era quella di creare un collegamento rapido ed efficiente tra il Piemonte e la Liguria, ma soprattutto anche con la Francia di Napoleone III.

Come detto in precedenza, il progetto ritornò solo negli anni Venti del Novecento.

Ma da quel momento nacque una delle ferrovie più straordinarie del Belpaese.

Una perla dell‘Italia sub-alpina che nonostante la sua bellezza, non è mai entrata in progetti di valorizzazione concreti.

La tratta sotto la gestione italo-francese ha rischiato più volte la chiusura e, malgrado gli investimenti per la sua messa in sicurezza, non ha mai visto una politica di rilancio a suo favore.

Per questa ragione infatti, la partecipazione al concorso luoghi del cuore Fai è stata fondamentale per riscoprire la Cuneo-Ventimiglia-Nizza.

Adesso con i nuovi finanziamenti la ferrovia si prepara a ripartire e l’obiettivo sarà quello di coinvolgere ed appassionare sempre più persone.

(Si ringrazia Luca De Guglielmi per l’immagine)

935

Related Articles

935
Back to top button
Close
Close