Articoli HPInnovazione

A Torino il primo vertiporto italiano: parte il progetto SkyGate

15477
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino sarà costruito il primo vertiporto italiano: in città via al progetto SkyGate

Torino sarà realizzato il primo vertiporto italiano.

Una novità assoluta per il nostro Paese, che prenderà vita nel capoluogo piemontese grazie a “SkyGate“. Questo progetto ha il principale obiettivo di portare in città un acceleratore impegnato nella proposta di innovazioni tecnologiche nel campo dell’Urban Air Mobility.

Si tratta di una iniziativa portata avanti da Always e da DigiSky. La prima si presenta come una holding, mentre la seconda è una partecipata: queste due realtà hanno deciso di unire le forze per lavorare a diversi progetti di rilievo. Al centro di tutto c’è la costituzione del sopracitato vertiporto, che si occuperà delle attività dei velivoli a decollo e atterraggio verticale.

In questo senso, Torino si configura come città apripista a livello nazionale. Anche a livello mondiale la nostra sarebbe una delle poche realtà ad adottare una simile novità. Insomma, un elemento che potrebbe conferire del prestigio in più a un territorio già votato alla tecnologia e alle relative innovazioni.

I dettagli del progetto

SkyGate” sarà un processo rivoluzionario e, al tempo stesso, pieno di opportunità per lo sviluppo economico e tecnologico locale.

Il progetto nasce con l’intento di promuovere e sviluppare programmi di accelerazione, facendo affidamento sull’interesse di aziende nazionali e straniere impegnate nei settori di riferimento.

Sarà dunque fondamentale la partecipazione di imprese che si occupano di i sistemi a decollo verticale, le tecnologie di volo autonomo, accumulo dell’energia e propulsione ibrida. Saranno accolte anche le aziende che basano la loro attività sui servizi accessori per la mobilità e sulla pianificazione dei voli. Di vitale importanza sarà il contributo di realtà operative nella logistica, nell’addestramento e nella manutenzione.

SkyGate” sarà proposto nei pressi della futura “Città dell’Aerospazio” di Torino. Qui sorge il polo industriale aerospaziale regionale, che vanta vere e proprie eccellenze internazionali come Thales Alenia Space, Leonardo e Altec. Presto ci sarà spazio anche per il nuovo Campus Aerospaziale del Politecnico di Torino, che arricchirà questo polo. In questo modo sarà coinvolto, ovviamente, anche il Poli, che offrirà strumenti, competenze, professionisti e studenti di primissima qualità per tutte le esigenze.

Dunque, Torino si appresta a diventare protagonista in un settore che ha delle potenzialità davvero sconfinate. Da qui ai prossimi vent’anni i velivoli elettrici si moltiplicheranno a dismisura e si diffonderanno in migliaia di esemplari. Negli anni a venire, quindi, si genererà un giro d’affari da decine di miliardi di euro, che avrà inevitabili ricadute positive sul territorio.

15477

Related Articles

15477
Back to top button
Close
Close