Articoli HPInnovazione

Torino sulla Luna e su Marte: Thales Alenia leader nella nuova esplorazione spaziale

674
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino con Alenia alla conquista di Marte e punta alla prima cittadella sulla Luna. Dalla Luna a Marte e ritorno. Un viaggio nel nostro Sistema Solare e nelle prossime esplorazioni spaziali europee degli anni 2020. 

È arrivata la notizia che l’Esa si è aggiudicata una serie di contratti milionari per l’esplorazione umana nello spazio. E Thales Alenia Space avrà un ruolo centrale in queste missioni: la conquista del Pianeta Marte e il ritorno dell’uomo sulla Luna.

Continua dunque il periodo d’oro dell’Alenia. Dopo il successo per il lancio del Cygnus, verso la Stazione Spaziale Internazionale adesso contribuisce attivamente per la nuova corsa alla Luna pensando allo stesso tempo a Marte.

Igloo antiradiazioni cosmiche, rover, lander, sonde orbitanti, bracci robotici, bovindo ovvero cupole, moduli abitabili, strutture per le stazioni spaziali, trapani per il carotaggio del terreno: passa per Torino la nuova spedizione sulla Luna e su Marte.

astronauti
Torino sulla Luna e su Marte: Thales Alenia leader nella nuova esplorazione spaziale

Il comparto aerospaziale torinese

Un viaggio nel nostro Sistema Solare e nelle prossime esplorazioni spaziali europee degli anni 2020. Il prossimo ventennio è fatto di esplorazione umana e robotica e le destinazioni sono tre: Stazione Spaziale Internazionale, Luna e Marte.

Thales Alenia Space apre le porte dei suoi stabilimenti di Torino, dove stanno sviluppando moduli Gateway che ospiteranno gli astronauti che orbiteranno intorno alla Luna. Il contratto ha un valore complessivo di 327 mln di Euro, di cui oggi assegnata la prima tranche di 36mln €. 

satellite spazio
Torino sulla Luna e su Marte: Thales Alenia leader nella nuova esplorazione spaziale

Per Marte, dopo aver guidato le missioni Exomars (2016 – 2022), Thales Alenia Space realizzerà la sonda che, entro il 2031, riporterà sulla Terra per la prima volta nella storia, i campioni del suolo marziano. Il valore complessivo di questo ulteriore contratto ammonta a 130 milioni di cui 11 milioni per questa prima tranche.

C’è poi anche Leonardo che progetta e sviluppa robot a Milano per esplorare la Luna e Marte. Ma è tutta l’Europa che si muove insieme all’Esa, così nel Regno Unito si stanno costruendo rover per il Pianeta Rosso e, sempre in Inghilterra, il satellite Lunar Pathfinder per le telecomunicazioni intorno alla Luna.

Insomma l’Europa, insieme a Torino, sta costruendo “l’hardware per la nuova frontiera” ed esplora sempre più lontano. Magari l’Italia potrebbe, con la tecnologia e l’esperienza acquisita, costruire un modulo spaziale che sia la “prima casa” per l’uomo sulla Luna. 

674

Related Articles

674
Back to top button
Close
Close