Articoli HPTerritorio

Un piano da un miliardo di euro, ecco il Recovery found per Torino

1245
Tempo di lettura: < 1 minuto

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha deciso di assegnare al professor Marco Pironti, assessore all’innovazione, l’incarico di coordinare le strategie per attuare i piani di Recovery Found per la città della Mole.

La sindaca ha indicato i programmi europei React e Next Generation Eu come i piani per attingere i fondi necessari.

Il comune ha, in parallelo, stabilito una cabina di regia politico-amministrativo per assicurare l’efficienza delle decisioni politiche.

Il portafoglio calcolato, e poi inviato ad Anci Piemonte, è di circa 1.6 miliardi di euro per l’area urbana torinese.

Pironti, invece, avrà il compito di valutare la conformità dei progetti e coordinare la cabina di regia con gli enti politici.

I dettagli sul Recovery Found a Torino

I programmi React e Next Generation Eu, seppur cospicui, non coprono tutte le esigenze cittadine, e questo porterà le autorità a stilare una classifica di priorità.

Il fondo React è necessario per gli investimenti nell’immediato, mentre il Next Generation EU copre gli investimenti nel breve periodo.

A questi si aggiungerà il PON Metro per l’area urbana per programmare gli investimenti sul lungo periodo.

Il Pon Metro garantirà una programmazione ancora più ampia e più lungimirante.

Su Torino ci saranno anche altri enti che hanno progettualità nel territorio, nel campo dell’amministrazione pubblica (Città metropolitana, Ministeri e regione).

A questi va aggiunta anche il lavoro di istituzioni pubbliche e private (Fondazioni, cluster, camera di commercio, associazioni di impresa e altre) oltre alle università cittadine e centri di ricerca.

Tutti questi enti si coordineranno per far crescere il valore esponenziale dei progetti e non renderli la sterile somma di lavori in ambiti diversi.

Un progetto trasversale atto a rilanciare una città pesantemente colpita al cuore dagli effetti della pandemia, non solo a livello sanitario.

La grande sfida per l’amministrazione sarà quella di non sprecare le risorse al fine di rilanciare al più presto la vita in città.

1245

Related Articles

1245
Back to top button
Close
Close