Mole24 Logo Mole24
Home » Cronaca di Torino » Studenti universitari negli alberghi per carenza di posti letto

Studenti universitari negli alberghi per carenza di posti letto

Da Daniele Riefolo

Dicembre 09, 2020

Studenti universitari negli alberghi per carenza di posti letto

Mettere gli studenti universitari negli alberghi per risollevare il settore alberghiero pesantemente colpito dal covid.

La SCR Piemonte, ha indetto un bando rivolto alle strutture alberghiere per l’affidamento di 300 posti letto da destinare agli studenti universitari.

Richiami Prodotti Italia App

260 posti saranno dedicati alle università di Torino, mentre i restanti 40 a quella di Novara.

Il piano mosso da EDISU Torino è stato programmato per mantenere il distanziamento sociale e permettere, quindi, di preservare le norme anti covid.

I dettagli degli studenti universitari negli alberghi

Gli alberghi, pesantemente colpiti dalla pandemia, ospiteranno così diversi universitari, tamponando così gli effetti della crisi.

Infatti malgrado la pandemia, le università torinesi hanno registrato diverse iscrizioni in più rispetto allo scorso anno, con molti iscritti al di fuori del Piemonte.

La delibera EDISU è arrivata un mese fa, ma i tempi tecnici di SCR hanno permesso la pubblicazione del bando solo pochi giorni fa.

Questa mossa è nata da una ragione logistica, ove i posti letti, per le norme anti Covid, sono scese da 2200 unità a 1700.

Inoltre, avendo gli enti locali risparmiato sulle spese delle mense, la scelta è stata quella di destinare i fondi alle strutture alberghiere in notevole difficoltà.

Il bando, però, non tiene conto del prezzo di mercato della stanza, ma è calcolato in una situazione forfettaria.

Il canone di locazione, per dieci mesi di servizio, è di 3 mila euro più IVA, tenendo conto di alcune disparità dals ervizio alberghiero.

300 euro mensili che non prevedono, però, la pulizia quotidiana della camera e il servizio di colazione.

L’iniziativa, qualora dovesse trovare una risposta favorevole da parte delle strutture ricettive, potrebbe evolversi al termine della pandemia.

Infatti, la regione si è detta disposta a monitorare la situazione al fine di procedere a un piano di convenzioni con le strutture.

Suddetto piano prevede una cifra di locazione ridotta per gli universitari fuori sede che non rientrano nella graduatoria ma che hanno bisogno di alloggi con prezzi più sostenuti rispetto a quello delle stanze negli appartamenti delle città.

Daniele Riefolo Avatar

Daniele Riefolo

Laureato in Filosofia presso l'università degli studi di Bari, ha pubblicato diversi saggi e libri fin dal 2012, Vanta diverse collaborazioni con testate locali e nazionali ed esperto di comunicazione e marketing aziendale