ArteArticoli HP

Ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino, riprendono i cantieri

6478
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ deciso: a inizio 2021 riprenderanno i lavori di ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino. L’importantissima struttura, progettata dall’ingegnere Pier Luigi Nervi, era divenuta di recente proprietà dello Stato.

Si comincerà dalle due facciate visibili da Corso Unità d’Italia e in un secondo momento, si passerà agli altri lati. Tra i lavori anche il taglio degli alberi cresciuti a dismisura, e la bonifica del territorio circostante, in cui è presente l’amianto.

Ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino, il nuovo inizio

Non sarà un compito semplice. Nel 2021 si partirà mettendo in sicurezza le facciate che, nel 2015 sono state gravemente danneggiate da una serie di incendi dolosi. Poi, l’attenzione passerà agli alberi che circondano la struttura. Le piante, che ora nascondono il Palazzo, dovranno essere sdradicate e, forse, ripiantate in via Ventimiglia. Lo sdradicamento è inserito nel piano di bonifica del terreno, in cui è presente amianto, e per questo va necessariamente pulito. Verso corso Maroncelli infine, l‘area dei parcheggi, verrà occupata da un giardino all’inglese.

palazzo del lavoro torino
Ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino, riprendono i cantieri

La destinazione dell’area

Il Palazzo ha ospitato fino al 2008 diverse attività commerciali, oltre che una sezione della facoltà di Economia. Dal 2010 l’edificio è abbandonato. Nel 2011 viene poi siglato un accordo tra Comune e il Gruppo Olandese Corio. L’accordo prevedeva la trasformazione del Palazzo in un Centro Commerciale. Nel 2012 il Tar ferma tutto e nel 2015, poi, una serie di incendi dolosi danneggia gli interni del complesso.

Dopo quasi dieci anni, l’idea è la stessa. L’unica destinazione per il Palazzo del Lavoro, sembra essere proprio quella commerciale. Risulterebbe infatti impossibile, per la struttura stessa del Palazzo, trasformarlo in uffici o complessi residenziali. Anche l’ingegner Nervi, progettando il Palazzo per Italia ’61, si immaginò un suo futuro utilizzo in ottica commerciale.

Pier Luigi Nervi, sognava infatti la creazione di solette, per suddividere l’altezza complessiva della struttura e formare un piano rialzato di negozi.

palazzo del lavoro torino
Ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino, riprendono i cantieri

Ristrutturazione Palazzo Lavoro Torino: i costi

La sistemazione delle due facciate visibili da Corso Unità d’Italia, comporterà una spesa di circa 2 milioni di euro. L’opera più costosa sarà lo sdradicamento degli alberi e la bonifica del terreno. Per questi lavori, che dureranno parecchi mesi, occorrerà personale specializzato. L’intervento verrà a costare tra i 5 e i 6 milioni di euro.

Per i membri del board di Cdp Immobiliare, l’investimento dovrà fruttare e la manutenzione dovrà essere sostenibile nel lungo periodo. Così si è deciso di restringere quanto possibile, l’uso degli spazi destinati alla collettività. La differenza sostanziale coi progetti realizzati negli anni ’90, è la riduzione dei parcheggi. Si consumerà meno suolo: dai milleseicento iniziali, ne resteranno soltanto mille.

6478

Related Articles

6478
Back to top button
Close
Close