ArteArticoli HP

Land Art arriva a Torino con un dipinto gigante sul prato delle Porte Palatine

1018
Tempo di lettura: 2 minuti

Approda a Torino il progetto di Land Art dell’artista franco-svizzero Saype sostenuto dal Gruppo Lavazza in collaborazione con il Comune di Torino e i Musei Reali Torino.

Dal 1° ottobre Torino accoglie la nuova tappa di Beyond Walls – Oltre i muri. Una maxi opera dello street artist Saype: per farla ci sono volute settimane, ma si dissolverà in tre mesi.

Due mani che si tendono l’una verso l’altra e si stringono, in una presa che trasmette fiducia e aiuto reciproco. È questa l’immagine al centro del progetto Beyond Walls – Oltre i muri. Città di Torino con questo progetto, conferma il proprio impegno sui temi della sostenibilità e della condivisione, consolidandosi come metropoli internazionale dalla spiccata vocazione culturale.

Un messaggio di solidarietà e di fratellanza per un’opera dipinta sull’erba che connette idealmente la città di Torino al resto del mondo. 

beyond_torino_saype
Land Art arriva a Torino con un dipinto gigante sul prato delle Porte Palatine

Un’opera dipinta sull’erba

L’artista Saype sceglie Torino come tappa per il progetto Land Art Beyond Walls – Oltre i muri. Infatti lo street artist sta disegnando la sua opera di città in città. Esattamente si tratta di una catena di braccia che attraversa i continenti, mani che si intrecciano, di tutte le fogge, età, geografie, culture.

Una vera e propria road map che è arrivata anche a Torino, settima tappa del progetto itinerante iniziato nel 2019 sotto la Tour Eiffel e che ha in previsione di girare il mondo fino al 2024, coinvolgendo altre decine di luoghi. 

A Torino Saype ha scelto come location il prato delle Porte Palatine. Un luogo altamente simbolico, che tiene insieme passato e presente, che ben esprime il concetto di andare letteralmente oltre ai muri.

Quindi, la scelta dell’artsita è altamente simbolica. Sottolinea il desiderio di superare i muri fisici e mentali, invitandoci a intraprendere uno sforzo collettivo per sentirci parte viva di un unico ecosistema. Responsabili di un fragile equilibrio che richiede la nostra cura e il nostro impegno individuale.

Saype e il suo progetto sono stati supportati dal Gruppo Lavazza, artista con cui condivide visione e valori che faranno da filo conduttore per il Calendario Lavazza 2021.

Anche il Comune di Torino e i Musei Reali si fanno sostenitori del progetto. Nasce dalla volontà di connettere il patrimonio delle arti classiche alle espressioni artistiche contemporanee. Contribuendo, così, a realizzare uno dei più importanti interventi artistici su scala globale degli ultimi anni.

beyond_torino_saype
Land Art arriva a Torino con un dipinto gigante sul prato delle Porte Palatine

La realizzazione

Il progetto di Land Art “Beyond Walls – Oltre i muri” a Torino una maxi opera realizzata dall’artista franco-svizzero Saype, complicata e difficile.

Per settimane il giovane artista ha lavorato in un cantiere complesso, che ha coinvolto decine di persone insieme al supporto di una squadra di droni della Polizia per controllare dall’alto l’evoluzione dell’opera.

Saype dipinge con una vernice a spruzzo biodegradabile, che rimane al massimo visibile per tre mesi prima di dissolversi. Un intervento in puro stile land art, secondo quell’idea che l’arte scelga la natura come contesto per i suoi interventi senza però danneggiarla o modificarla in alcun modo. 

L’installazione sul prato delle Porte Palatine è forte e vitale, emoziona vederla dall’alto, un grande disegno in bianco e nero giocato sui chiaro-scuri, che esprime un senso fisico di unione e solidarietà ed evoca le altre mani sparse nelle altre città. 

1018

Related Articles

1018
Back to top button
Close
Close