Articoli HPLocaliTerritorio

Riapertura discoteche: il grande dilemma e le nuove proposte

11349
Tempo di lettura: 2 minuti

I gestori torinesi appoggiano la proposta nazionale: nessuna azienda sopporta chiusura così lunga

Sono trascorsi ormai sei mesi, un periodo troppo lungo per i titolari e torna la problematica della riapertura discoteche.

Dopo la crisi sanitaria e il lockdown imposto, nelle fasi successive, tra i vari provvedimenti, era stato dato il via libero per la riapertura delle sale da ballo. Era il mese di luglio e la volontà di dare uno slancio all’estate italiana era forte.

Si era palesata la possibilità di riaprire con le linee guida della Conferenza delle Regioni. Oltre alle regole di sanificazione e agli accessi contingentati, si dovevano mantenere un metro di distanza tra le persone e due metri in pista da ballo, Con la possibilità di ballare solo all’esterno e l’obbligo della mascherina al chiuso. Poi il dietrofront del Governo.

bar discoteca
A banker prepares a drink at ‘Old Fashion’, a famous restaurant and disco in Milan, closed due to the lockdown for Covid-19 emergency, in Milan, northern Italy, 10 July 2020. ANSA/Andrea Fasani

Le nuove proposte

Sono state avanzate alcune proposte da Silb, Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento da ballo e di spettacolo, riprese dall’Epat. Alle quali si uniscono anche i gestori delle sale da ballo torinesi.

Le associazioni hanno previsto per la riapertura delle discoteche in sicurezza diverse ulteriori precauzioni:

  • mascherina da indossare sempre, anche mentre si balla
  • sanzioni pesanti per chi non rispetta le regole
  • garanzia di un ricambio d’aria più frequente rispetto alle precedenti norme
  • distanziamento di 1 metro e i balli di coppia consentiti solo ai congiunti
  • possibilità di effettuare screening del pubblico anche all’uscita dei locali
  • riconoscimento della responsabilità individuale dei clienti sul rispetto delle norme all’interno dei locali

Il tutto in aggiunta a quanto già previsto dalla legge. Ossia parliamo della misurazione della temperatura e il tracciamento del pubblico all’ingresso. Inoltre controlli sul personale obbligato a indossare la mascherina durante tutte le ore di attività e l’obbligo di mettere a disposizione di tutti e in diversi punti del locale materiali igienizzanti.

Tutto questo per evitare che sia prorogato lo stop alle discoteche stabilito durante la conferenza Stato Regioni dello scorso 16 agosto e in vigore fino al prossimo 7 settembre.

11349

Related Articles

11349
Back to top button
Close
Close