Articoli HPTerritorio

Torino centri commerciali in continuo aumento

31842
Tempo di lettura: 2 minuti

In arrivo la grande novità To Dream

A Torino i centri commerciali aumentano a dismisura.

Un investimento da 190 milioni darà vita al polo commerciale più grande della città, che sorgerà nell’area prima occupata dallo stabilimento Michelin nel quadrante Nord-Est. La vendita dell’area lungo corso Romania e strada Cebrosa si è conclusa un anno fa ed ora il progetto è pronto a partire.

Il nuovo distretto si chiamerà To Dream e sarà gestito da Res-Real estate strategist, controllata al 100% da Ceetrus.

Nella nuova imponente struttura saranno inserite circa 130 attività tra cui bar, ristoranti, un hotel business e spazi riservati a sport, eventi ed intrattenimento. I cantieri copriranno una superficie di 270 mila metri quadri, di cui 45 mila al coperto riservati a negozi, ristorazione e servizi.

Un bottino da 20 milioni di euro per le casse della città tra proventi diretti ed indiretti.

L’amministrazione ha di fatto sempre accolto di buon grado gli investimenti dei privati sul territorio. Nei quasi cinque anni di mandato la giunta Appendino ha autorizzato l’insediamento di nuove strutture commerciali per una superficie di circa 118 mila metri quadrati.

Alcuni progetti, come l’espansione dell’Auchan di corso Romania, sono stati ereditati dall’amministrazione precedente e solamente confermati da quella attuale.

green pea torino
Torino centri commerciali in continuo aumento

Torino centri commerciali, boom di investimenti per la realizzazione

Quello dell’ex area Michelin non è l’unico grande progetto in previsione. Nell’area dell’ex concessionaria Fiat di corso Bramante sorgerà un supermercato Esselunga di 3.500 metri quadrati. In questo caso, l’incasso per la città si aggira sui 2,2 milioni.

Continuano gli investimenti di Nova Coop che in Piemonte vanta già una sessantina di punti vendita. Due nuovi supermercati – scalo Vallino e Tne – apriranno a Mirafiori Sud.

Nuova vita anche per l’ex Berto Lamet, vecchio complesso industriale in strada del Portone. Verranno realizzati quattro edifici a destinazione commerciale per una superficie di 10 mila metri quadrati. Un investimento che supera i 40 milioni e che ne renderà 5 al Comune.

A questi sono da aggiungere i 3.200 metri quadri per Auchan e Bricoman in corso Romania, 2.500 per i due Lidl di via Bologna e corso Traiano e i 1.400 del Famila di via Baltimora.

Da non dimenticare Green Pea, il centro commerciale ecosostenibile da 15 mila metri quadrati che verrà inaugurato a fianco di Eataly in via Nizza.

E mentre il comune fa cassa, a Torino resta solo più lo spazio per le perplessità e le preoccupazioni per il piccolo commercio.

Ilaria Di Pinto

31842

Related Articles

31842
Back to top button
Close
Close