Articoli HPInnovazioneTech

Intelligenza artificiale: Torino vince il derby con Milano

1551
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Governo ha scelto Torino come sede principale per l’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale

Finalmente una bella notizia: Torino sarà Capitale italiana dell’Intelligenza Artificiale. Così ha deciso la Presidenza del Consiglio ieri sera.

La candidatura è stata sostenuta e lanciata a inizio luglio dalla Chiesa torinese, attraverso il direttore della Pastorale Universitaria don Luca Peyron. Subito dopo la proposta, la sindaca, l’Unione Industriale, il Politecnico e il Club degli Investitori hanno espresso il loro accordo unanime per la candidatura. E finalmente adesso la scommessa è vinta.

Un progetto ambizioso che permetterà alla città di Torino di arrivare in Europa con le competenze del nostro territorio. Un’occasione importante per tutta la regione Piemonte.

intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale: Torino vince il derby con Milano

Il nuovo istituto

Lo scopo dell’Istituto dell’Intelligenza artificiale è quello di creare una struttura di ricerca e trasferimento tecnologico capace di attrarre talenti dal mercato internazionale.

In contemporanea, diventerà un punto di riferimento per lo sviluppo dell’Intelligenza artificiale in Italia, in connessione con i principali trend tecnologici (tra cui 5G, Industria 4.0, Cybersecurity).

Per assicurare competitività a livello internazionale l’Istituto conterà su un organico di circa 1.000 persone e su un budget annuo di 80 milioni di euro.

Torino diventerà, quindi, l’hub centrale con 600 persone occupate ed opererà in stretta collaborazione con centri di ricerca nazionali ed università.

Accanto alla scelta di Torino come sede principale per l’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale, il Governo ha scelto Milano quale candidata per il Tribunale Unificato dei Brevetti.

Una scelta strategica quella del Governo, con l’obiettivo di creare una sinergia tra le due città e il Governo e allo stesso tempo consolidare l’asse nord-ovest del Paese. Una strategia che renderebbe ancor più forti Milano e Torino e, con esse, l’Italia. 

1551

Related Articles

1551
Back to top button
Close
Close