Articoli HPSanità

Torino nuova tecnologia laser per eliminare i calcoli

1461
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’Ospedale Cottolengo primo in Italia ad utilizzare l’apparecchio

Torino nuova tecnologia laser al Cottolengo per eliminare i calcoli.

Un’apparecchiatura all’avanguardia approda per la prima volta in Italia. Si tratta del TFL, un laser particolarmente evoluto rispetto a quelli tradizionali ma superiore anche a quelli di nuova generazione.

Il campo è quello dei trattamenti per i calcoli urinari, l’ostruzione prostatica, il tumore della vescica e dell’alto apparato, le stenosi ureterali e uretrali.

Il Cottolengo è il primo ed unico centro in Italia a disporre del nuovo strumento, entrato da qualche settimana nel reparto di Urologia del nosocomio torinese. Un traguardo importante raggiunto grazie all’impegno del dottor Cesare Marco Scoffone insieme con il padre generale don Carmine Arice ed il direttore generale Giampaolo Zanetta.

L’ospedale ha per il momento firmato il contratto per un comodato d’uso gratuito per un anno. Un ottimo inizio per poterne studiare le caratteristiche e gestire al meglio le sue potenzialità.

sala operatoria
Torino nuova tecnologia laser per eliminare i calcoli

Torino nuova tecnologia laser sui calcoli, straordinaria rivoluzione al Cottolengo

Si tratta di un ulteriore passo avanti per la ricerca. Dopo il laser a tulio ed olmio, il laser verde e quello a diodi, il TFL – Thulium Fiber Laser – rappresenta una vera rivoluzione.

Si tratta infatti di una macchina molto leggera e di dimensioni ridotte, poco rumorosa e che non necessita di particolari prese o reti elettriche. Per questo motivo è molto funzionale perchè può essere adoperata in qualsiasi sala operatoria.

La sua versatilità è data anche dalla tecnologia che permette di scegliere i parametri di lavoro in termini di energia, frequenza e lunghezza d’onda. Così l’urologo ha maggiori margini di scelta anche a seconda della propria esperienza.

Il nuovissimo strumento è in grado di polverizzare i calcoli in tempi molto ridotti. I dati ed i primi casi clinici ne confermano l’efficienza.

Ancora una volta, l’avanzamento in campo medico parte dalla nostra città.

Ilaria Di Pinto

1461

Related Articles

1461
Back to top button
Close
Close