Articoli HPInnovazione

Dalla fusione FCA-PSA nasce il gruppo Stellantis: scelto il nome del colosso

1058
Tempo di lettura: 2 minuti

Dalla fusione FCA-PSA nasce Stellantis: ecco il nome del nuovo gruppo

La fusione FCA-PSA fa nascere Stellantis.

Sarà questo il nome del nuovo colosso, originato dall’unione di due dei più grandi soggetti operanti nel settore dell’automotive.

L’ufficialità è stata comunicata da Fiat Chrysler Automobiles e PSA attraverso una nota congiunta. I due gruppi hanno anche esposto le ragioni della scelta del nome Stellantis: quest’ultimo deriva dal verbo latino “stello”, che significa “essere illuminato di stelle”. Le origini latine del si configurano dunque come un chiaro richiamo alle due società fondatrici.

Una denominazione selezionata non a caso, che si rifà, in tema astronomico, allo spirito di ottimismo, energia e rinnovamento, caratteristiche fondamentali di questo nuovo gigante destinato a dominare il settore di riferimento.

FCA-PSA-stellantis
Dalla fusione FCA-PSA nasce il gruppo Stellantis: scelto il nome del colosso

Il processo che ha portato alla fusione

La fusione sarà resa ufficiale tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo.

A cavallo tra il 2020 e il 2021 saranno comunicati i dettagli di una trattativa che affonda le sue radici in un periodo più lontano. Da anni Fiat Chrysler Automobiles era alla ricerca di un partner solido per proseguire con i suoi progetti.

A confermarlo è stato Mike Manley, amministratore delegato del gruppo italo-americano, che ha sottolineato le già note intenzioni dei vertici rappresentativi delle aziende.

Sul finire dello scorso anno, sia FCA che PSA avevano diffuso delle note ufficiali, con le quali avevano reso noto di essere a contatto per la trattativa riguardante un futuro in cooperazione.

Tra ottobre e novembre 2019 si è poi giunti alla fumata bianca, che ha sancito l’inizio di una nuova partnership. Ora mancano le ultimissime formalità di rito per rendere tutto realtà.

Stellantis
Dalla fusione FCA-PSA nasce il gruppo Stellantis: scelto il nome del colosso

Gli sviluppi futuri

La fusione avverrà con entrambi i soggetti coinvolti posti sullo stesso piano. Un 50 e 50 fortemente voluto per rispettare pienamente le parti coinvolte.

Per quanto riguarda le nuove proposte, FCA potrebbe tornare a occuparsi di segmenti di mercato per ora accantonati. In precedenza si è parlato di un ritorno alla produzione della Punto o di una sua erede, nel caso in cui fosse stata intavolata una trattativa proprio con PSA.

Dopo la chiusura delle produzioni nel 2018 proprio della Grande Punto e di Alfa MiTo, il gruppo ha bisogno di novità in un segmento di mercato ancora molto gettonato. Senza contare il lancio della il restyling della Ypsilon, l’arrivo del nuovo B-Suv di Lancia e del suv di Alfa Romeo. Si era fatta largo anche l’ipotesi di una nuova Delta, che potrebbe prendere quota prossimamente.

In ultima battuta si penserà a una delle grandi sfide dell’attualità e del futuro: l’elettrico, che sarà una leva fondamentale, a partire da una ipotetica 500 elettrica a cinque porte.

Una svolta epocale nel futuro del settore automobilistico, avvenuta con un’operazione da 45 miliardi, che decreterà la nascita di una nuova superpotenza dell’automotive.

1058

Related Articles

1058
Back to top button
Close
Close