Articoli HPSport

Riqualificazione centro sportivo via Panetti

366
Tempo di lettura: 2 minuti

La struttura gestita dal Cus Torino sarà pronta nel 2021

Riqualificazione centro sportivo via Panetti, al via i lavori entro la fine del 2020.

Partirà presto il restyling del complesso universitario situato a pochi passi dal parco Colonnetti. Di proprietà dell’Università degli Studi e gestito dal Cus Torino, il palazzetto aspetta da anni una messa a nuovo.

Il costo dell’opera di ammodernamento e ampliamento ammonta a 1,5 milioni di euro, cui andranno aggiunte le spese per l’acquisto di attrezzature di ricerca. Il progetto è sostenuto dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dall’Università di Torino e dal Cus Torino.

L’obiettivo, come spiegato dal presidente del Cus, Riccardo D’Elicio, è quello di convolgere gli studenti con iniziative volte all’integrazione e alla socializzazione. In questo modo il servizio sportivo diventerebbe un importante tassello per il welfare degli atenei torinesi.

Il complesso vanta più di 130mila passaggi ogni anno e la sua valorizzazione farà da trampolino per nuovi traguardi. Dopo 40 anni, la struttura necessita appunto di un restyling.

Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo blocco, con cinque spogliatoi e relativi servizi, una palestra ed un’estensione della sala pesi già presente. Verrà rifatta la superficie dei campi esterni così come il manto della pista di atletica leggera. Saranno risistemate anche le pedane dei salti.

CUS Torino
Riqualificazione centro sportivo via Panetti

Riqualificazione centro sportivo via Panetti: innovazioni tech per valutare le prestazioni degli atleti

L’opera vuole anche sottolineare l’importanza dell’attività motoria nella vita dei giovani, proponendosi come esempio non solo a livello nazionale ma anche internazionale.

Ai lavori di riqualificazione, si aggiungeranno alcune novità tecnologiche che faranno del complesso un polo sportivo incredibilmente all’avanguardia. Saranno infatti installate delle telecamere e dei sensori in grado di fornire misure e dati per la valutazione delle prestazioni durante allenamenti e gare.

Soddisfatto il vicerettore al welfare, sostenibilità e sport dell’Università, Alberto Rainoldi. Lo spazio attrezzato e innovativo potrebbe addirittura attirare l’attenzione di squadre o federazioni del territorio in cerca di una valida consulenza.

La fine dei lavori è prevista entro il 2021 e gli appassionati sportivi già scalpitano per l’apertura.

Ilaria Di Pinto

366

Related Articles

366
Back to top button
Close
Close