Articoli HPTerritorio

Le nuove strade a viabilità mista generano perplessità.

842
Tempo di lettura: 2 minuti

Le strade a viabilità mista previste e volute dalla sindaca di Torino, destano molte preoccupazioni e perplessità.

Tutto perché si vuole giustamente incentivare la mobilità dolce.

Durante il lockdown si è assaporato il gusto di una Torino finalmente libera da smog, ma con la ripartenza delle aziende è facile tornare ad una situazione insostenibile.

È arrivato, allora, il progetto delle strade a viabilità mista ossia delle zone 20.

Esattamente sono controviali con il limite massimo di velocità a 20 km/h e dove hanno precedenza le biciclette e monopattini.

Sono stati individuati 27 controviali della città di Torino su cui sono stati posti i limiti di velocità a 20km/h.

Le nuove strade a viabilità mista generano perplessità.
Le nuove strade a viabilità mista generano perplessità.

Le perplessità

La commissione trasporti dell’ordine degli ingegneri ha valutato tale progetto ed ha individuato diverse criticità.

Le strade a viabilità mista con il limite di velocità a 20 chilometri potrebbero diventare pericolosi.

I principali assi viari cittadini non possono essere equiparati alle piste ciclabili.

Soprattutto in questa fase dove le evidenti criticità del trasporto pubblico in piena ripartenza delle attività stanno incentivando i cittadini ad utilizzare i mezzi privati

Si rischiano ingorghi e disagi per tutti e pericoli per i ciclisti costretti a muoversi tra le file di auto rallentate.

limite-20kmh-torino
Le nuove strade a viabilità mista generano perplessità.

Gli ingegneri, nella loro valutazione di pro e contro, hanno posto particolare attenzione alla sicurezza.

Hanno ipotizzato uno scenario tipo: le auto probabilmente si riverseranno nelle corsie centrali visti i limiti di velocità dei controviali. Questo determinerebbe grandi problematiche alla viabilità, pensiamo a tutte le svolte che andrebbero ad ingorgare il traffico.

Altro elemento da tenere in considerazione è la viabilità di tutti i mezzi che operano nel settore consegne pacchi.

Necessariamente, tali mezzi, viaggiano nei controviali per potersi avvicinare i portoni di consegna.

Le pericolosità di questi mezzi, spesso medio grandi, ma anche pericolosità dovute ad apertura portelloni accidentali, sono stati evidenziati dalla commissione di ingegneri.

Quindi tutti d’accordo sull’implementazione della mobilità dolce ma bisogna farlo in sicurezza.

A quanto pare, le strade a viabilità mista, devono essere riviste e ripensate per la sicurezza di tutti.

842

Related Articles

842
Back to top button
Close
Close