Home Territorio La Panchina Rossa al Mauriziano di Torino per dire NO alla violenza...

La Panchina Rossa al Mauriziano di Torino per dire NO alla violenza sulle donne

Panchina Rossa Mauriziano Torino
La Panchina Rossa al Mauriziano di Torino per dire NO alla violenza sulle donne
Tempo di lettura: 2 minuti

La Panchina Rossa al Mauriziano di Torino per dire NO alla violenza sulle donne

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne 2019– 25 novembre, la città di Torino propone una serie di eventi ed iniziative.

In particolare, l’Ospedale Mauriziano di Torino dedicherà un’intera settimana al tema con il progetto La cultura del rispetto “fiorisce” al Mauriziano per dire No alla violenza.

Lunedì 25 novembre alle ore 13:30 in Aula Carle – largo Turati 62, Torino – ci sarà la proiezione di un film sul tema, per tutti i dipendenti e gli utenti dell’ospedale.

Panchina Rossa al Mauriziano di Torino

Sempre da lunedì, sarà visitabile la Panchina Rossa, nel giardino storico del Mauriziano di Torino, tra corso Rosselli e corso Re Umberto.

Due occhi che parlano, la bocca serrata e due parole che vogliono uscire: Ora basta.

L’installazione si ispira alle celebri “panchine rosse“, nate con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini, in maniera pubblica e diffusa, contro il dramma del femminicidio e della violenza sulle donne. È stata realizzata grazie al contributo del DISAFA dell’Università di Torino, nell’ambito dei progetti di umanizzazione dell’ospedale e con il contributo artistico dei dipendenti dell’ospedale Mauriziano.

L’obiettivo è quello di far crescere la cultura del rispetto e sensibilizzare dipendenti, utenti e cittadini, sul delicato tema della violenza.

Le altre iniziative a Torino per la Giornata contro la violenza sulle donne

Convegno “Unit* contro la violenza sulle donne nell’era digitale. Uno sguardo multidisciplinare” – Aula Magna Cavallerizza Reale, via Verdi 10, Torino

Dalle 9 alle 13. L’Ateneo di Torino, come ogni anno, partecipa attivamente al processo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro ogni forma di violenza e, in particolare, quella sulle donne.
Ingresso libero. Partecipazione previa iscrizione online.

Spettacolo teatrale “VOLO – il primo passo è staccarsi” – San Pietro in Vincoli

Alle ore 21. Uscire da una situazione di costrizione, oltrepassare la linea di pericolo di un confine opprimente, svincolarsi dal rapporto vittima-carnefice.
Per info e biglietti consulta il sito web.

“I volti raccontano la violenza” – Palazzo Lascaris

Nel cortile di Palazzo Lascaris è stata installata una panchina rossa su cui donne piemontesi dello spettacolo, dello sport, della cultura e della politica si siederanno per una staffetta fotografica. L’iniziativa si inserisce nel ricco programma di attività predisposte per l’occasione dal Consiglio regionale. Le donne testimonial avranno uno specchio in mano, con su scritta una frase che invita a guardare in faccia il proprio dolore. Un invito a uscire allo scoperto, mostrando il proprio volto, rivolto a chi resta in silenzio.

Inoltre, per ricordare le vittime di femminicidio la sede del Consiglio regionale, lunedì 25, si illuminerà di rosso.

Tra le altre iniziative, ricordiamo la collaborazione con la Polizia di Stato per il progetto Camper, punto di ascolto con operatori specializzati.

Panchina Rossa – Giardino Vittime di Femminicidio

Posa della panchina rossa del Giardino Vittime di Femminicidio, tra via Chambery, via Cirenaica e via Col di Lana, dedicata a tutte le donne vittime di atti di violenza, spesso maturati in famiglia.

“Rosso Indelebile” (dal 24 novembre al 7 dicembre)

Il progetto artistico e sociale dell’artista Rosalba Castelli si pone come obiettivo quello di sensibilizzare attraverso l’arte sul tema della violenza di genere e della prevenzione.

“Fontane arancioni” (dal 20 novembre all’11 dicembre)

Le “Fontane del Po e della Dora” di piazza CLN, si illumineranno del colore simbolo della lotta per la difesa dei diritti delle donne. Per denunciare la violenza di genere che spesso viene nascosta sotto altri nomi.