Home Enogastronomia Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l’Unione Europea

Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l’Unione Europea

Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l'Unione Europea
Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l'Unione Europea
Tempo di lettura: 1 minuto

Vermouth è di Torino: l’ufficialità arriva dall’Unione Europea

Ora è arrivata anche l’ufficialità dall’Unione Europea: il Vermouth è di Torino. L’appartenenza è stata definitivamente stabilita a livello internazionale.
 Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l'Unione Europea

Il Vermouth è di Torino: lo ha ufficializzato l’Unione Europea
Roberto Bava, presidente dell’istituto e produttore, si è detto soddisfatto. Ha inoltre precisato che si è giunti al penultimo passo, il disciplinare è in atto dal 2017, con il decreto del ministero dell’Agricoltura. Ora è arrivata la lettera con cui la Commissione europea annuncia che l’iter è stato approvato. Si aspetta solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il Vermouth: storia e caratteristiche

Il Vermouth, anche detto “vèrmot” in piemontese, è un vino liquoroso aromatizzato, creato a Torino nel 1786.

Fa parte del PAT italiano, un elenco di prodotti agroalimentari tradizionali, ed è utilizzato nella preparazione di numerosi cocktail.

Tra la fine del 1700 e l’inizio del 1990 sono stati pubblicati numerosi volumi a proposito della corretta composizione e della storia di questo liquore. La produzione piemontese e, più nello specifico, torinese, si è distinta e ha enormemente superato quella italiana ed europea in generale. Per questo, il Vermouth è parte della storia di Torino.

adv
Loading...

Il suo colore dorato è dovuto allo zucchero bruciato. In altre ricette, invece, per ottenere un colore lucente (e più tendente al rosso), si utilizza una piccola percentuale di zafferano.

Correlato:  Casa Slurp, spazio eclettico e controcorrente

Viene utilizzato quotidianamente nella composizione dei cocktail più famosi, come l’Americano, il Negroni, il Martini o il Manhattan.

Un gioiello che va riconosciuto al capoluogo piemontese, per il grande successo raccolto nei secoli.