Territorio

Torino, crolla un pezzo di volta dei portici di Via Po. Dubbi sulla manutenzione

437
Tempo di lettura: < 1 minuto

Torino, crolla un pezzo di volta dei portici di Via Po. I dubbi sulla manutenzione

Crolla un altro pezzo di via Po, quello corrispondente al civico 29, dove si trova il Palazzo degli Stemmi. L’area è stata recintata. I calcinacci sono ancora riversi sul marciapiede, come stanche vittime di una battaglia che va avanti da mesi tra Comune e Commercianti per la manutenzione della via.

Fortunatamente il crollo non ha colpito nessuno e non ci sono stati feriti, ma ha lasciato comunque un segno indelebile tra i torinesi.

Giusto un mese fa i commercianti della zona si erano lamentati dello stato delle facciate dei palazzi del centro, perennemente coperte di scritte. Il presidente dei commercianti di via Po, Alessandro Chiales, in quella occasione, aveva rilasciato una dichiarazione ribadendo che la manutenzione delle facciate degli edifici toccava ai proprietari degli immobili e quindi ai privati. Una risposta che aveva momentaneamente placato le richieste di coloro che invocavano l’intervento del Comune.

In questi casi, infatti, l’amministrazione pubblica può solo sollecitare i proprietari dei palazzi ad intervenire. La disputa sulla pulizia dei muri di via Po venne archiviata come una pura questione condominiale, così come accade per qualsiasi altro palazzo privato della città. Lo stesso vale per la manutenzione dei portici.

Il problema però resta. Così come resta la diatriba su chi si debba occupare dell’aspetto del centro di Torino.

Tag
437

Related Articles

437
Back to top button
Close
Close