Home Articoli HP Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono...

Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono 50 cantieri

Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono 50 cantieri
Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono 50 cantieri
Tempo di lettura: 1 minuto

Arrivano 50 nuovi cantieri per riparare le buche a Torino: investimento da 3,8 milioni di euro per rendere migliore l’asfalto

Il problema delle buche a Torino potrebbe presto trovare una soluzione.
In città saranno aperti ben 50 nuovi cantieri, all’interno dei quali si lavorerà per rimettere in sicurezza e a posto esteticamente l’asfalto di numerosi viali e corsi.
Nello specifico, la cifra che sarà investita sarà pari a 3,8 milioni di euro. Una somma di cui il Comune di Torino potrà disporre grazie a un mutuo, di un importo inferiore rispetto all’anno scorso. Nel 2018, infatti, al capoluogo piemontese furono concessi quasi 5 milioni di euro, un milione in più rispetto a quest’anno.
La somma sarà equamente suddivisa tra le Circoscrizioni, che potranno beneficiare di 250mila euro a testa. Altri 150mila euro saranno invece destinati alle pavimentazioni, più relativamente ai marciapiedi e alle superfici di pietra, come quelle del centro.
Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono 50 cantieri
Pronti 3,8 milioni di euro per riparare le buche a Torino: aprono 50 cantieri

Aree di intervento e motivazioni

I cantieri che stanno per sorgere a Torino riguarderanno un po’ tutte le zone più battute della città.

Saranno particolarmente interessati i corsi San Maurizio, Bolzano e Monte Cucco, oltre alle vie Filadelfia e Pianezza, passando per piazze importanti come piazza Solferino. Qui saranno necessari lavori per risistemare il manto stradale.

Largo spazio marciapiedi, viste le condizioni in cui versano quelli di corso Fiume, corso Unione Sovietica (angolo già Monteponi), corso Casale, via Rubino, corso Casale angolo via Signorelli e molti altri.

Correlato:  Negozi chiusi a Torino per il ponte di Ferragosto: la città si ferma, il centro resiste

Grande attenzione anche per i ponti, in particolare quelli di via Rossini e corso Novara e tra corso Novara via Fontanesi. Si interverrà anche sul ponte Vittorio Emanuele I e per realizzare nuovamente l’attracco di Italia ‘61 per i battelli turistici di Gtt. Presto riprenderanno il loro servizio e sarà necessario un nuovo approdo.

adv
Loading...
Insomma, tante novità per riportare alla normalità le strade torinesi.