Home Articoli HP Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone

Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone

Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone
Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone
Tempo di lettura: 1 minuto

Apre a Torino Madama Piola, il nuovo locale dello chef stellato Christian Milone: la piola sorgerà nel cuore di San Salvario

Bella novità per l’enogastronomia torinese: apre a Torino Madama Piola.
Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone
Apre a Torino Madama Piola, la piola dello chef stellato Milone
Inaugura oggi, mercoledì 25 settembre, il nuovo locale dello chef stellato pinerolese Christian Milone, che sorge in via Ormea 6 bis, nel cuore del quartiere San Salvario.
La piola, aperta insieme alla compagna Francesca Ferrari e agli amici Monica Verdun e Luca Pastoris, si candida ad essere il posto ideale per stare in compagnia con gli amici all’insegna del mangiare e bere bene sentendosi a proprio agio.
Il menù di Madama Piola non propone solo piatti della cucina della tradizione, come la polenta fritta, i tomini in salsa verde e rossa, i plin, il bollito e tanti altri.
Infatti, sarà possibile gustare anche alcuni piatti must che Milone propone nella sua Trattoria Zappatori, come il famoso Tonnato o il Tu Gust, ossia un dolce mix tra bonet e panna cotta.
Lo chef pinerolese ha conquistato la stella Michelin a Parma nel 2016. Da quel momento, il suo approccio alla cucina è cambiato ed ha iniziato ad avvicinarsi alla cucina francese.
Tant’è vero che, da una visita ai fratelli Troisgros, è nata l’idea di un’azienda agricola, aperta da tre anni, nonché di diventare un cuoco agricoltore.
Milone ha dichiarato che, nel prossimo mese di novembre, insieme all’amico Diego Dequi di Luogo Divino, inaugurerà la Cà del Profeta, vicino ad Isola d’Asti.
Sarà un’azienda agricola nonché un agriturismo con camere.
Prenderà parte al progetto anche Anderson Hernanes, ex giocatore di LazioInter e Juventus, soprannominato il Profeta
 
Per quanto riguarda la Trattoria Zappatori, continuerà ad essere il cuore pulsante di tutto, ma non senza cambiamenti. 
 
Infatti, dal 3 ottobre verrà eliminata la possibilità di scegliere alla carta e la proposta della Gastronavicella, ma verrà ripensata la struttura del locale. 
 
Dunque, Torino è pronta ad accogliere nel suo panorama enogastronomico un nuovo locale che porta in alto la cucina tradizionale piemontese.
(Foto tratta da Scatti di Gusto)
Correlato:  A Torino arriva la Festa di Primavera dei tram storici