Home Ambiente Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di...

Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette

Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette
Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette
Tempo di lettura: 1 minuto

Inquinamento, a Torino i ragazzi di “Fridays For Future”, movimento ambientalista creato dalla giovane Greta Thunberg, hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette

L’inquinamento, a Torino, come in tutto il pianeta, continua a rappresentare un serio problema da affrontare.
Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette
Inquinamento, a Torino i ragazzi di Greta hanno raccolto 75mila mozziconi di sigarette
Nella giornata di ieri, domenica 22 settembre, un centinaio di ragazzi torinesi del movimento “Fridays For Future”, il movimento creato dalla giovane Greta Thunberg, si sono armati di guanti e grandi sacchi per la spazzatura per ripulire il capoluogo piemontese aderendo alla “Trash Challenge”, nell’ambito dei vari eventi che compongono la “Climate Action Week”.
Cinque i punti di ritrovo considerati “critici” da cui i ragazzi sono partiti a ripulire.
Si sono ritrovati alle ore 9.00 a Porta Nuova, piazza Statuto, piazza d’Armi e piazzale Caio Mario, stazione Madonna di Campagna, piazza Sofia zona Monte Grappa.
 
I lavori di pulizia sono continuati anche nel pomeriggio al fine di raccogliere più mozziconi di sigarette possibili e sensibilizzare la popolazione sui danni che creano alla salute e all’ambiente.
 
Infatti, nell’arco della giornata ne sono stati raccolti 75mila.
 
E pensare che ognuno di questi ci avrebbe messo circa 400 anni per decomporsi, e se tutti i trasgressori fossero stati multati si sarebbero raccolti oltre 22 milioni di sanzioni. 
 
A fine giornata i mozziconi raccolti sono stati portati in piazza Castello per essere esposti.
 
Successivamente verranno recuperati per realizzare una statua che sarà esposta dopo lo sciopero globale in programma per il prossimo venerdì 27 settembre.
Oltre a Friday For Future Torino, hanno preso parte all’iniziativa anche il Gruppo Extintion Rebellion Piemonte, gli attivisti di Protect Our HomeEcoPoliGreenTo e Greenpeace Torino.
 
Ora l’obiettivo, come ha spiegato Luca Sardo, portavoce torinese del movimento Fff, è coinvolgere sempre più ragazzi, scuole, lavoratori e organizzazioni sindacali per il prossimo sciopero.
(Foto tratta da Meteo Web)
Correlato:  Sanità, l'ospedale San Luigi di Orbassano riceverà il Premio Award 2018 al Congresso Internazionale a New Orleans