Home Articoli HP Prime Now a Torino: Amazon ti consegna la spesa a casa.

Prime Now a Torino: Amazon ti consegna la spesa a casa.

Prime Now Torino
Prime Now a Torino: Amazon ti consegna la spesa a casa.
Tempo di lettura: 1 minuto

Prime Now a Torino: Amazon ti consegna la spesa a casa. Dopo Milano e Roma, Torino è la terza città italiana ad avere il servizio Prime Now di Amazon.

Di cosa si tratta? Grazie all’accordo tra Pam e Amazon, i clienti Prime potranno fare la spesa online scegliendo tra i prodotti degli store Pam Panorama, e riceverla senza stress direttamente a casa.

In pratica, tu scegli i prodotti sul sito di Prime Now, li aggiungi al carrello virtuale e procedi all’acquisto. Entro due ore la spesa ti verrà consegnata a casa.

Il servizio è valido dalle 10 a mezzanotte, 7 giorni su 7. L’importo minimo è di 25 euro, con consegna gratuita. A partire dal 2020, però, l’importo minimo sarà di 15 euro più 3,49 euro di consegna. Se invece vuoi usufruire della consegna senza costi aggiuntivi devi raggiungere almeno i 50 euro di spesa.

adv
Loading...

L’offerta Prime Now, entrata da poco a Torino, è disponibile anche a Rivoli, Collegno, Moncalieri, Nichelino, Orbassano e Beinasco.

La spesa a domicilio, in questo modo, viene incontro alle esigenze dei lavoratori che tornano a casa tardi e non hanno tempo di fare acquisti, alla mamma in difficoltà con il figlio malato a casa, all’anziano che non può trascinare borse pesanti in strada.

Una collaborazione, quella tra Amazon e Pam Panorama, che funziona bene a Milano e a Roma, dove vengono consegnati soprattutto cibi freschi e prodotti per la cura della casa e della persona. Si tratta, in sostanza, di una fusione tra tradizione e innovazione, che cerca di avvicinare le esigenze dei clienti e quelle dei produttori locali.

Ma sorgono ancora alcuni dubbi sulla salvaguardia del commercio tradizionale. Secondo Ascom, l’organizzazione sindacale che fa parte della Confcommercio, con questa manovra, i commercianti locali sarebbero in svantaggio rispetto al colosso di Amazon.

Ciò non toglie che, secondo le stime, i torinesi siano sempre più propensi a fare acquisti online. Una scelta che ha fatto muovere in questa direzione molte catene di distribuzione, come Coop e Carrefour, ma anche Eataly. Secondo un’indagine realizzata dalla Camera di Commercio, infatti, nel 2018 il web è stato utilizzato dal 44,6% delle famiglie torinesi almeno una volta al mese. Mentre nel 2017 erano solo il 39,3%.

Correlato:  Bocconi killer per i cani a Torino: trovati i soliti pezzi di carne con i chiodi