Home Articoli HP In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly

In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly

In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly
In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly
Tempo di lettura: 1 minuto

Arrivano a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly in attesa che il Ministero dei Trasporti regolarizzi i mezzi a due ruote

In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly.
In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly
In arrivo a Torino i cartelli stradali per la città monopattino friendly
Ebbene sì, dopo essere stata la città dell’automobile, e poi della bicicletta, Torino sarà una città “monopattino friendly”.
Gli amanti dei monopattini elettrici, i mezzi più green del momento, dovranno attendere ancora qualche settimana prima di poter sfrecciare tra le strade del capoluogo piemontese.

In attesa della segnaletica

Infatti, prima servirà installare i cartelli stradali per poter così avviare la sperimentazione e indicare dove è possibile circolare e dove no.
Inoltre, questi innovativi mezzi a due ruote non sono ancora stati inseriti nel Codice della Strada dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. 
Al momento, la circolazione dei monopattini elettrici è consentita solo lungo le piste ciclabili e le zone 30.
L’assessora ai Trasporti Maria Lapietra ha spiegato che è stato affidato a Gtt il compito di mettere a punto un progetto che indichi dove posizionare i segnali, soprattutto agli ingressi della città e in corrispondenza della Ztl.

La trattative con le ditte del servizio in sharing

Tuttavia, negli ultimi mesi, Lapietra ha trattato con ben undici ditte che offrono in servizio un sharing dei monopattini elettrici in attesa del decreto nazionale che avviasse ufficialmente la sperimentazione.
Così, a causa dell’attesa dell’installazione dell’apposita segnaletica, il tutto potrebbe slittare a dopo settembre.
Slitterà anche il progetto di estendere la Zona 30 a tutte le vie della Ztl Centrale.
Nel frattempo, il Comune ha chiesto ai gestori dello sharing di aspettare il bando di gara per dare regole comuni e partire con le stesse tempistiche.
Dunque, bisognerà aspettare l’autunno per vedere Torino trasformarsi nella città dei monopattini.
Correlato:  Lunedì 20 novembre, altro giorno altro sciopero Gtt