Home Articoli HP Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino: sarà posata sulla casa dove...

Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino: sarà posata sulla casa dove visse il cantautore

Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino: sarà posata sulla casa dove visse il cantautore
Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino: sarà posata sulla casa dove visse il cantautore
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino: l’epigrafe verrà posata sull’edificio dove ha vissuto il cantautore vicino Porta Palazzo

Verrà posata, a Torino, una targa per ricordare Gipo Farassino.
A deciderlo la Giunta Comunale su proposta dell’Assessora alla Toponomastica Paola Pisano.
L’omaggio in ricordo dell’indimenticato cantautore torinese sara posato sulla facciata dell’edificio dove visse l’artista in via Cuneo 6, poco lontano da Porta Palazzo.
La targa sarà corredata dall’epigrafe  «Monsù! Ma a lo sa chiel che sì al ses ëd via Cuni, i son naje mi? (Signore lo sa che qui al 6 di via Cuneo sono nato io?)», una strofa della sua canzone «L’6 ‘D via Cuni».
Così resterà indelebile la figura del Poeta di Porta Pila che cantà il suo amore per Torino in canzoni come “Matilde Pellissero”, “Sangon Blues” e “Serenata Ciocatona”.

Il Poeta di Porta Pila

Gipo Farassino nacque a Torino l’11 marzo del 1934.
La sua carriera iniziò in giovane età, quando l’artista cominciò a cantare nelle balere del Piemonte, ma tenne concerti anche all’estero.
Le sue canzoni dedicate alla città sabauda sono un mix tra ironia e malinconia e rappresentano l’eredità che l’artista ha lasciato alla città.
Negli anni Ottanta intraprese la strada politica che nel 1994 lo portò ad essere eletto al Parlamento Europeo.
Successivamente fu anche assessore nella Giunta regionale presieduta da Enzo Ghigo.
Farassino si è spento nella sua Torino l’11 dicembre 2013. all’età di 79 anni.
Dunque, la Città di Torino ha deciso di rendere omaggio al suo Gipo Farassino, uno dei personaggi più amati dai torinesi, con una targa nella via in cui è nato e cresciuto nel cuore della città.
Correlato:  Innovazione, il Team Policumbent di Torino artefice di una bici che va a oltre 120 km all'ora