Home Articoli HP “Storie tratte”, il secondo libro benefico di Giorgio Formica che aiuta i...

“Storie tratte”, il secondo libro benefico di Giorgio Formica che aiuta i malati di Parkinson

“Storie tratte”, il secondo libro benefico di Giorgio Formica che aiuta i malati di Parkinson
“Storie tratte”, il secondo libro benefico di Giorgio Formica che aiuta i malati di Parkinson
Tempo di lettura: 2 minuti

“Storie tratte”, il secondo libro benefico di Giorgio Formica che aiuta i malati di Parkinson: un altro grande libro benefico, dopo il successo di “All’imbuto”

Ciao Giorgio, di cosa parla il tuo secondo libro?
Storie tratte è un libro che parla di me. 
Sono brevi storie, tratte dalla mia vita, che una dopo l’altra compongono il mio ritratto. 
Avete presente quel giochino che consiste nell’unire dei puntini per dar forma a una figura? Ecco, ogni storia è come se fosse un puntino numerato. E il compito del lettore è di tratteggiare la mia persona”.
È quindi un’opera autobiografica che ha un significato particolare?
A tratti è autobiografico.
E a tratti, proprio perché autobiografico, lo definisco una trattativa tra il mio passato e il mio futuro. In attesa del contratto. Sono sempre stato attratto dalle letture che in apparenza sembrano semplici ma che poi stimolano la riflessione del lettore. In questo libro racconto fatti realmente accaduti che, nella loro semplicità, racchiudono un significato. Un significato che può essere molteplice perché le storie tratteggiano la figura di chi scrive, ma possono anche tratteggiare quella di chi legge. E’ la magia dell’immedesimazione”.
I proventi del libro a chi saranno devoluti?
Devolverò l’intero ricavato all’Associazione Italiana Parkinsoniani sezione di Torino G.Cavallari, coordinata da Ubaldo Pilotto. Sono sensibile alla malattia di Parkinson perché mia mamma ne è purtroppo affetta e il lavoro che l’Associazione fa quotidianamente è straordinario.
E’ un morbo in continua crescita che sta colpendo centinaia di migliaia di persone e che, purtroppo, non ha grande attenzione da parte dei media. Solo chi ci convive può capirne la 
reale gravità. “All’imbuto”, il mio primo libro, ha raccolto in tre edizioni circa 6.500 euro. Mi auguro che “Storie tratte” possa fare altrettanto bene”.
Ci sarà una presentazione e dove si potrà acquistare “Store tratte”?
Lo presenterò mercoledì 15 maggio alle 19.30 al Circolo della Stampa in Corso Stati Uniti 27, dove sarà possibile acquistarne una o più copie con un’offerta libera.
Successivamente sarà in vendita da Scenario Libri in Via Piazzi 7 bis a Torino e in altre librerie che stanno aderendo al progetto.
Io non sono uno scrittore e non ho mai fatto una presentazione, per cui quel giorno sarò felicissimo ma anche tesissimo.
Mi piacerebbe che queste pagine si potessero comprare al chilo, al litro, sfuse, come al mercato. A ognuno la storia che gli serve.
“Storie tratte” pesa quattro etti, ma è un libro che non va pesato per la qualità editoriale, bensì per la sua sostanza.
La sostanza di aiutare il prossimo“.
Correlato:  Torino, il supermercato in corso Brunelleschi non si farà: il Comune richiede altri progetti