Articoli HPTerritorio

Torino, in piazza Baldissera arrivano i semafori per combattere il traffico

2361
Tempo di lettura: < 1 minuto

Torino, in piazza Baldissera arrivano i semafori per combattere il traffico

Torino, in piazza Baldissera, si cerca ormai da troppo tempo di trovare una soluzione per combattere il traffico infernale. Una situazione che sfugge al controllo di operatori e automobilisti a qualsiasi ora del giorno, visti i continui accumuli di code e ingorghi.
Si tratta di un problema che si trascina da parecchio, visto che, in questo punto della città, attraversare le vie e la rotonda in orari di punta è diventata un’impresa per coraggiosi. Nei mesi scorsi era stata anche presa, da parte del Comune di Torino, la drastica decisione di chiudere alcuni passaggi limitrofi. Una scelta poi rivista, dati gli ulteriori disagi creati.
Nelle intenzioni dell’amministrazione comunale c’era anche la volontà di installare dei semafori intelligenti e di realizzare delle corsie preferenziali. Queste ultime avrebbero dovuto essere percorse da mezzi pubblici e mezzi di soccorso, per garantire una corretta efficienza dei servizi di trasporto e una maggior velocità nell’assistenza di chi ha bisogno di aiuto rapidamente. Le corsie avrebbero dovuto trovare posto in corso Principe Oddone.
Per quanto riguarda i semafori, invece, si pensa concretamente già da ora a come risolvere gli attuali problemi. Innanzitutto, occorre rifasare quelli presenti, in modo da ottenere delle “onde verdi” (quando si verificano in successione semafori verdi, andando a una certa velocità e con determinate condizioni). Il traffico diverrebbe dunque più fluido, con una riduzione dell’afflusso delle auto da via Cecchi e da corso Mortara e l’obbligo della svolta a destra per i veicoli privati.
Dal 2020, come annunciato da alcuni esponenti di Palazzo Civico (su tutti Maria Lapietra, Assessore ai Trasporti), arriveranno effettivamente i semafori alla rotonda, in modo da regolare il passaggio dei veicoli. Occorre sottolineare che i lavori per le installazioni non partiranno prima del prossimo anno. La situazione, dunque, dovrà essere affrontata con soluzioni provvisorie almeno qualche altro mese.

Tag
2361

Related Articles

2361
Back to top button
Close
Close