Enogastronomia

Distillerie Vincenzi: storia di un bicerin che ha lasciato il segno

2727
Tempo di lettura: 3 minuti

Hanno dato i natali all’esclusivo, unico e inimitabile Bicerin originale di gianduiotto, e si distinguono nel panorama italiano per la qualità eccellente dei prodotti di cioccolateria e pasticceria. Le Distillerie Vincenzi da decenni mantengono ben alto il valore della tradizione piemontese, ammaliando chiunque abbia la fortuna di assaggiare le loro leccornie.

Torinesi o “forestieri”, tutti rimangono letteralmente estasiati nel momento in cui il proprio palato incontra la golosità sabauda sapientemente distillata da questi grandi professionisti del gusto.

Storia e successo delle Distillerie Vincenzi: una tradizione che dura nel tempo

Fondate nel lontanto 1930, le Distillerie Vincenzi sono oggi pienamente affermate come una delle migliori aziende nell’ambito della produzione e vendita di liquori, sciroppi e cioccolato.

Il segreto? Una tradizione da sempre custodita con cura, nel rispetto di ingredienti e materie prime tramandati di decennio in decennio. Un’attenzione particolare nel definire le cifre stilistiche del prodotto dall’inizio alla fine, in ogni fase della sua creazione e fino all’immissione nel mercato.

Sì, perché non si tratta solo di bontà, ma anche di bellezza. L’eleganza delle bottiglie provenienti dalle Distillerie Vincenzi incarna quella noblesse oblige che la piemontesità ha sempre portato dentro di sé nel corso del tempo.

Distillerie Vincenzi: storia di un bicerin che ha lasciato il segno

Il Bicerin delle Distillerie Vincenzi: sublime giandujotto liquoroso

Il Bicerin originale gianduiotto registrato in esclusiva solo dalle Distillerie Vincenzi è un celeberrimo liquore di crema gianduja, contenente il 15% di alcol in 70 cl: cremoso e golosissimo, la sua particolarità è data dalla presenza della nocciola che sostituisce il caffè dell’originaria ricetta settecentesca.

Il suo sapore ricorda proprio il gianduiotto, per l’unione perfetta di nocciola e cacao. Una bella trovata che affonda le radici nel primo anni dell’Ottocento, quando, per contenere i costi dell’importazione di cacao e caffè, si cominciò a tagliare il cioccolato assieme alle deliziose nocciole di cui il Piemonte era cosparso. Come sempre, è dalle ricette più “povere” che nascono i prodotti migliori, destinati all’immortalità culinaria.

Tutti amano il Bicerin: la grande passione di Cavour e gli altri

Il suo nome significa “piccolo bicchiere”: per questo ancora oggi il bicerin è servito in tutti i caffè di Torino nel tipico bicchierino di vetro con il manico di ferro, esattamente come nei primi anni del XIX secolo veniva da tutti degustato. E tra i suoi tanti amatori, come non ricordare Camillo Benso Conte di Cavour, che ne andava letteralmente pazzo e lo definiva in assoluto la sua bevanda preferita.

Ma non solo: Rousseau scrisse a proposito del bicerin come di “uno dei modi di bere più alla moda” della torino ottocentesca. E Alexandre Dumas, dopo un soggiorno a Torino, portò nel cuore il dolce ricordo di “un’eccellente bevanda composta da caffè, latte e cioccolata”

Distillerie Vincenzi: storia di un bicerin che ha lasciato il segno
Distillerie Vincenzi: storia di un bicerin che ha lasciato il segno

Novità in bianco: il Bicerin White delle Distillerie Vincenzi

Dal grande genio di professionisti amanti della tradizione non poteva che nascere un’idea completamente innovativa ma altrettanto vincente: il Bicerin White, un liquore cremoso al cioccolato bianco.

Si tratta dell’unico gluten free e dairy free, prodotto con 40 g/l di estratto naturale di cacao e a solo 15% vol: un bassissimo tenoro alcolico, appena percettibile.

Sono in tanti ad amare il cioccolato bianco come dolce alternativa a quello classico: per questo il Bicerin White ha immediatamente ottenuto un ampio consenso, incrementato dalla raffinatezza del packaging, una bottiglia perlata e cangiante che risponde alle variazioni della luce. Un piacere per gli occhi che introduce con discreta malizia ai vizi di gola.

schermata-2016-03-30-alle-18-03-12Gli altri prodotto delle Distillerie Vincenzi

Non solo Bicerin. Le Distillerie Vincenzi sono riconosciute e apprezzate per una grande varietà di altri tipici liquori italiani:

  • la Sambuca Italiana;
  • il Limoncello di Sicilia;
  • l’Italian Esoresso (un liquore al caffè 100% arabica);
  • l’Amaretto di Torino;
  • diversi tipi di Grappe, tra cui quelle aromatizzate alla frutta.

Ma anche per la cioccolateria e pasticceria le Distillerie Vincenzi non deludono mai:

  • i Bicerini: cioccolatini di cioccolato fondente ripieni del liquore Bicerin di giandujotto, presentati in una confezione a forma di borsetta;
  • i Bicerinelli, piccoli cioccolatini giandujotti di soli 5 grammi ciascuno;
  • la Crema Bicerina, crema di giandujotto a base Bicerin, presentata in un elegante bicchiere da collezione;
  • i Tartufi;
  • gli Amaretti al cioccolato senza glutine;
  • i Biscotti senza glutine.

Le Distillerie Vincenzi sono, insomma, uno dei grandi marchi di cui il nostro territorio può andare fiero: la loro storia ci insegna che, quando l’attaccamento alla tradizione è così forte, ciò che ne deriva non può che restituire la stessa intensità, inondando i nostri sensi di irresistibile piacere.

Manuela Marascio

2727

Related Articles

2727
Back to top button
Close
Close