curiositàTerritorio

Tombini arabi a Torino: un mistero multiculturale

48787
Tempo di lettura: < 1 minuto

Sono circa 30 i tombini arabi a Torino, precisamente in corso Belgio, nel quartiere  Vanchiglia. Sopra i chiusini è ben visibile la scritta “Città di Tripoli” in lingua araba. Manufatti, che destano curiosità e interrogativi, e che rappresentano un mistero multiculturale che merita di essere esplorato a fondo. Le teorie sull’origine di questi manufatti variano, ma tutte contribuiscono a creare una storia affascinante di relazioni internazionali e multiculturalismo

L’origine dei tombini arabi a Torino

Le ipotesi della presenza di questi tombini sono molteplici e affascinanti. Secondo alcune fonti, potrebbero essere stati installati da privati negli anni ’30, durante l’allacciamento alla rete fognaria. Alcune imprese italiane potrebbero aver avuto appalti in Libia, in quel periodo colonia italiana, e avrebbero utilizzato i materiali rimanenti anche in città. Un’altra teoria suggerisce che questi chiusini furono parte di una fornitura destinata al governo libico, ma alcuni esemplari sono stati messi sul mercato a prezzi scontati.

A Torino i tombini parlano arabo

L’Interpretazione degli esperti

La Società Metropolitana Acque Torino (Smat), responsabile della gestione dell’acqua e delle reti fognarie, spiega che questi tombini non sono di loro proprietà. Infatti,  i tombini appartenenti all’azienda sono tutti marchiati in modo simile. Mentre quelli in questione sono stati probabilmente posizionati da privati per mettere un pozzetto con derivazione e contatore sulla strada, tappandolo con un tombino. La presenza di questi tombini è stata segnalata anche in altre parti della città, portando il numero totale a circa trenta.

Un Simbolo di Diversità e Multiculturalismo

L’insolita presenza di chiusini con scritte in arabo rappresenta un simbolo di diversità e multiculturalismo che caratterizza la città di Torino. Questo fenomeno è testimone della storia di Torino come una città aperta al mondo, accogliente per diverse comunità. Insomma, tombini, che ora fanno parte del paesaggio urbano e rappresentano una testimonianza tangibile della ricchezza della diversità culturale.

Francesca Palumbo

Articolo aggiornato il 24/12/2023

Tag
48787

Related Articles

48787
Back to top button
Close