Storia

27 Agosto 1950: muore a Torino suicida Cesare Pavese

7181
Tempo di lettura: 2 minuti

“Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi”

Era il 27 agosto del 1950 quando a seguito dell’ennesima delusione d’amore, Cesare Pavese si suicida, a Torino

In una piccola  stanza dell’albergo Roma situato in piazza Carlo Felice, ingerendo una dose di barbiturici.

La frase di apertura di questo articolo furono le ultime parole che il letterato lasciò ai posteri prima del feroce gesto.

Altre 3 frasi, sempre scritte dal Pavese, vennero rinvenute su di un foglietto:

  • “L’uomo mortale, Leucò, non ha che questo d’immortale. Il ricordo che porta e il ricordo che lascia”;
  • “Ho lavorato, ho dato poesia agli uomini, ho condiviso le pene di molti”;
  • “Ho cercato me stesso”.

Cesare Pavese

Alla fine, il vizio assurdo aveva avuto la meglio.

In molti si sono chiesti il perché di questo comportamento.

Che sia stato l’atteggiamento duro e severo della madre Consolina, dopo la morte del padre Eugenio nel 1914, a renderlo introverso? Forse.

Rimane indiscusso che a fronte di tutti i risultati come scrittore, poeta e traduttore, a lui mancasse qualcosa, specialmente nella vita privata che lo faceva sentire vuoto.

Un vuoto che lui ha cercato di colmare diverse volte con le donne che segnarono la sua vita, ma che puntualmente lo rifiutarono.

Con tutta probabilità, dello scrittore nato a Santo Stefano Balbo il 9 settembre 1908, fra le Langhe di Cuneo, si poteva già predire la fine qualche settimana prima.

Nel suo diario, dopo la partenza di Constance Dowling per gli USA, scrisse:

“ Tutto questo fa schifo. Non parole. Un gesto. Non scriverò più”.

Cesare Pavese

E così fece.

Dell’illustre letterato ad oggi non ci rimangono che i ricordi della sua figura e dei suoi scritti. 

Testimonianze che la Fondazione Cesare Pavese ogni anno divulga in nome di un’eredità umana e culturale promuovendo , così, studi che hanno come fulcro le terre pavesiane e le loro tradizioni.

La Fondazione, inoltre, in ambito culturale è un punto di riferimento per continuare l’attività di studio dello scrittore, nelle sedi del Centro Studi Cesare Pavese

Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti…”

Damiano Grilli

Tag
7181

Related Articles

7181
Back to top button
Close
Close